Un altro regalo per il piccolo Samuele a Polla: un imprenditore gli dona una stanza multisensoriale

Un nuovo capitolo felice nella storia di Samuele. Un imprenditore di Napoli, Giuseppe Ferrara che si occupa della sicurezza dei vip e già in passato si è distinto per aiutare i più piccoli, ha conosciuto attraverso gli articoli la storia di Samuele, il bambino di tre anni affetto da oloprosencefalia semilobare che più volte durante l’anno è costretto a delle visite al “Gaslini” di Genova e del suo caso si era interessata la compagnia aerea Volotea donando viaggi gratuiti per il piccolo da Napoli alla Liguria. Ferrara si è interessato al caso e ha compreso che il bambino non ha bisogno solo di biglietti gratis o di raccolte firme ma di aiuti concreti. La mamma, Giulia, più volte aveva manifestato la necessità di una stanza multisensoriale per permettere al piccolo di giocare e di avere sollecitazioni importanti per il suo vivere quotidiano. E così Giuseppe Ferrara ha convocato un suo tecnico fidato, è salito in auto e da Napoli è partito alla volta di Polla. Ha preso un caffè in un bar e ha chiesto della famiglia Marcelli. A questo punto il barista ha chiuso l’attività e ha accompagnato direttamente l’imprenditore davanti casa, perché a Polla vogliano tutti bene a Samuele. E rieccoci alla scena inizale: l’auto parcheggiata davanti alla palazzina, il campanello suona e Giulia apre la porta. Per ore i genitori di Samuele e l’imprenditore parlano delle necessità che il piccolo, di come dovrebbe essere una stanza multisensoriale adatta a lui e di cosa si potrebbe fare. Il tecnico prende appunti e Giuseppe avvia le telefonate. Si mette in contatto con Nico Langone, un talentuoso designer di Polla che stava già progettando la stanza, e mette a disposizione i fondi necessari. E così Ferrara – che ha aiutato bambini non solo in Italia ma anche in altri Continenti – fa scattare tutto ciò che necessario, La stanza multisensoriale sarà costruita direttamente nella casa di Samuele e fra qualche mese sarà realtà. Giuseppe prende in braccio Samuele, il piccolo ride. E’ un attimo che dura un’eternità.

Una risposta

  1. Emilio ha detto:

    Esempio concreto di umanita’,lodevole il gesto di Giuseppe Ferrara che il Signore ti renda merito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#