“One day night” al “Curto” di Polla. Il direttore Mandìa: “Un servizio che ridà attenzione al paziente psichiatrico”

 

Un servizio di grande importanza per il territorio del Vallo di Diano che assicura, dal 1° dicembre un’operativa 24 ore su 24, come sollecitato più volte dai sindacati di categoria. Stiamo parlando del “One day night hospital” per pazienti psichiatrici. Il servizio attivo solo in orario diurno, fino a 4 giorni fa,  era stato attivato all’ospedale di Polla il 2 gennaio scorso, nei locali situati nei pressi del pronto soccorso del “Luigi Curto” di Polla. Permette un’osservazione dei pazienti fino a 24 ore per poi decidere le dimissioni o il ricovero al Centro di Salute Mentale di Sant’Arsenio. Si tratta, quindi, di un’osservazione breve intensiva del paziente. “Dallo scorso gennaio, ci spiegano i referenti del polo di emergenza, la dottoressa Pierpaola D’Arista ed il dottore Antonio Guariglia, sono numerosi i pazienti che hanno usufruito del day hospital psichiatrico. I pazienti, vengono tenuti sotto osservazione e poi si decide il prosieguo del loro percorso terapeutico”. Il “One day night hospital” è un’articolazione dell’ Unità Operativa di Salute Mentale del Distretto Sanitario 72, guidata attualmente dal dottore Michele Di Genio. “L’emergenza psichiatrica rappresenta il 10% dell’emergenza del territorio, ha spiegato Luigi Mandìa, Direttore Sanitario dell’Ospedale di Polla, ma è giusto dare attenzione alla popolazione tenendo conto che la psichiatria sul nostro territorio ha subito delle rimodulazioni in negativo. Ma da oggi si riparte, ha sottolineato il direttore. Si tratta di un punto di partenza, che porterà ad un SPDC  nella struttura dell’ospedale di Polla. La direzione sanitaria, ha concluso Mandìa, ha già approntato il progetto che sarà ben presto inviato agli uffici competenti”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *