Un quarto di secolo di Presepi in Mostra a Padula: e Gesù nel 2019 nasce anche in un barcone di migranti

È molto probabile che se dovesse nascere ai nostri giorni Gesù sceglierebbe di farlo in barcone di migranti alla deriva, povero tra i poveri, per condividerne i disagi. Non a caso dunque trova spazio anche l’attualità nella sempre più articolata proposta dei Presepi in Mostra a Padula che anche quest’anno è stata inaugurata dall’Associazione Amici del Presepio (sezione Pietro Gallo) nel centro storico padulese.

Un quarto di secolo di Presepi in Mostra a Padula: e Gesù nel 2019 nasce anche in un barcone di migranti

UN QUARTO DI SECOLO DI PRESEPI IN MOSTRA A PADULA: E GESÙ NEL 2019 NASCE ANCHE IN UN BARCONE DI MIGRANTI

Pubblicato da Italia Due su Domenica 8 dicembre 2019

La mostra coinvolge la Chiesa di Sant’Agostino, la Chiesa di San Nicola de Domnis, la Chiesa di Sant’Angelo e la Chiesa di San Francesco, con un percorso espositivo che si sviluppa anche nelle vie del centro storico che collegano le chiese. Lungo le stradine sono infatti presenti installazioni e scene, plastico-pittoriche in tema con la Natività. Insomma una full-immersion da non perdere caratterizzata da opere di notevole valore artistico, provenienti da tutta Italia, e con alcune scene ambientate in luoghi più o meno conosciuti di Padula e del Vallo di Diano, ricostruiti con grande abilità tecnica e dovizia di particolari. Il simbolo della Mostra, che quest’anno raggiunge il ragguardevole traguardo del quarto di secolo, resta il presepe ambientato nel cortile d’ingresso della Certosa di San Lorenzo, al quale ogni anno viene aggiunto qualche nuovo particolare.

La mostra resterà aperta nei giorni 8, 14, 15, 21, 22, 26, 28 e 29 dicembre, 1, 4, 5 e 6 gennaio (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.30 nei giorni festivi, e dalle 16 alle 20.30 in quelli feriali). Il 5 gennaio alle ore 20 nella chiesa di San Michele Arcangelo avrà luogo il sorteggio della Lotteria abbinata alla mostra.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#