Treofan di Battipaglia, riattivata procedura di licenziamento collettivo per i dipendenti

La Treofan Italy ha comunicato di aver avviato la procedura di licenziamento collettivo. Alla base della decisione, l’impossibilità a dar seguito alla reindustrializzazione del sito di Battipaglia. Per la seconda volta, dunque, è stata riattivata la procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori della Treofan di Battipaglia. Sono stati gli stessi lavoratori, intorno alle 15, attraverso la pagina Fb dell’azienda a darne notizia, ribadendo di aver ricevuto la lettera di licenziamento nonostante gli impegni a sollecitare e ottenere la collaborazione di tutti gli enti e le istituzioni preposte. “Vergogna! Continuate pure a non ledere gli interessi di queste multinazionali!”, scrivono i lavoratori per i quali la cassa integrazione scadrà il 1 aprile. Il licenziamento arriva a 24 ore dalla presentazione di una doppia interrogazione ministeriale da parte del parlamentare salernitano Piero De Luca, ma soprattutto alla vigilia della risposta da parte del ministero competente di una convocazione, richiesta dal consorzio ASI, che aveva ricevuto la disponibilità dei vertici della Jindal ad un incontro con le parti. Il 6 gennaio i lavoratori avevano trascorso in fabbrica ,con le famiglie, il giorno dell’Epifania e il 7 gli stessi lavoratori avevano incontrato i parlamentari Bilotti e Adelizzi per valutare i possibili sviluppi della vertenza Treofan.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#