Area di Servizio Sala Consilina Ovest, nella spazzatura centinaia di missive postali mai recapitate

Missive da parte dell’INAIL, bollette dell’Enel, comunicazioni provenienti da diversi Istituti Bancari, ma anche da Assicurazioni e da Consorzi di Bonifica, e molto altro: tutto gettato nella spazzatura e mai recapitato. Due diversi cartoni contenenti posta mai arrivata a destinazione sono stati rinvenuti questa mattina a Sala Consilina, presso l’Area di Servizio Sala Consilina Ovest dell’Autostrada A2 del Mediterraneo.

Area di Servizio Sala Consilina Ovest, nella spazzatura centinaia di missive postali mai recapitate

AREA DI SERVIZIO SALA CONSILINA OVEST, NELLA SPAZZATURA CENTINAIA DI MISSIVE POSTALI MAI RECAPITATE

Pubblicato da Italia Due su Lunedì 3 febbraio 2020

A fare la scoperta la signora Teresa, impegnata come ogni giorno nelle pulizie, che svuotando due contenitori della spazzatura ha individuato immediatamente i cartoni e capito che contenevano qualcosa di molto particolare. Sono state così scoperte centinaia di missive mai recapitate, alcune ancora legate da lacci elastici. Molte delle quali contenevano informazioni sicuramente importanti per i destinatari, che per questi mancati recapiti saranno stati danneggiati. Quasi tutte le missive sono indirizzate a destinatari della provincia di Rovigo, in Veneto. La signora Teresa non ha voluto voltare la testa dall’altra parte: “Il degrado al quale assistiamo ogni giorno -ci ha detto- deriva dal fatto che ognuno di noi spesso assiste a cose che non vanno bene, ma preferisce voltare la testa dall’altra parte. E così chi sbaglia può continuare a farlo”. Insomma quello che è capitato a centinaia di persone della provincia di Rovigo poteva capitare a ciascuno di noi.  E così la signora Teresa ha consegnato i due cartoni alla direzione dell’Autogrill, affinché siano ritirati dalle forze dell’ordine competenti. Intanto una cosa è certa: i due cartoni sono stati gettati nei contenitori nella giornata di domenica, perché erano stati svuotati sabato. Quindi è probabile che anche dalle immagini delle telecamere di video sorveglianza forse si potrà ottenere qualche informazione sui responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#