Aeroporto di Salerno, chiusa la gara d’appalto da 25 milioni: verso l’avvio dei lavori per l’allungamento della pista

Si è chiusa la gara d’appalto per l’assegnazione dei lavori di ampliamento della pista dell’aeroporto Costa d’Amalfi. Le offerte tecniche e quelle economiche sono state esaminate, e la procedura si è conclusa con l’aggiudicazione provvisoria.

Top secret, al momento, secondo quanto riporta il quotidiano “Il Mattino”, il nome dell’azienda che potrà realizzare gli interventi, per un importo di oltre 25 milioni di euro. Il codice degli appalti prevede infatti la verifica tecnica di eventuali anomalie, e successivamente l’aggiudicazione definitiva. Tra qualche giorno si avrà l’ufficializzazione dei vincitori dell’appalto per l’ampliamento dello scalo salernitano, e la firma del contratto. Poi la progettazione e l’inizio del cantiere.  Degli oltre 25 milioni di euro dell’appalto, 24 milioni e 900mila sono destinati agli interventi, e 330mila alla fase conclusiva del progetto, quella esecutiva, per la quale sono previsti due mesi di tempo. Poi si dovrebbero iniziare i lavori, per i quali sono previsti 18 mesi.  Per la primavera 2022 la cosiddetta fase uno dei lavori dovrebbe essere completata. Più di 13,5 milioni di euro sono destinati alla pavimentazione della pista, mentre i restanti 12 milioni serviranno per la segnaletica luminosa, la sistemazione idraulica dei torrenti, gli edifici civili ed industriali. Entro il 2022 si dovrebbero realizzare il primo allungamento della pista di volo, la realizzazione della palazzina dedicata agli uffici, la nuova sede dei Vigili del Fuoco e nuove aree di parcheggi interni. Poi una seconda fase di sviluppo, con l’ulteriore prolungamento di 200 m della pista di volo, che dovrebbe raggiungere la lunghezza complessiva di 2.200 metri, e il potenziamento ed ampliamento dell’Area Terminale Est. Non solo interventi strutturali: lo sviluppo dell’aeroporto di Salerno passa anche e soprattutto attraverso l’aumento del traffico aereo, sia dei mezzi privati che dei voli di linea e, in futuro, dei cargo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#