Emergenza Covid-19, riapertura dell’ospedale di Sant’Arsenio. Ecco la proposta

Tre professionisti del settore della sanità di Sant’Arsenio propongono al governatore De Luca l’utilizzo dell’ospedale santarsenese per il trasporto in biocontenimento di pazienti Covid-19 dell’Asl di appartenenza. “Una struttura- si legge nella lettera indirizzata al presidente Vincenzo De Luca- che con piccoli interventi, adeguatamente potenziata con posti letto, in grado di fronteggiare l’emergenza Covid-19, potrebbe rispondere alle attuali esigenze sanitarie”

Riceviamo e pubblichiamo

Ill.mo Presidente,

Le scriviamo da Sant’Arsenio, un paesino dell’entroterra cilentana e precisamente nel Vallo di Diano. La contattiamo in quanto le nostre coscienze ce lo impongono e ci obbligano ad interpellarLa.

E molto chiaro quanto l’emergenza sanitaria nazionale, legata alla diffusione del virus Covid-19, La assorba in toto, e proprio per questo, Le chiediamo di ascoltare il nostro pensiero al riguardo. Viviamo un momento storico difficile e delicato per la nostra regione, particolarmente allarmante per i nostri territori; il nostro, altro non è che un grido di allarme rivolto a chi ci governa e riveste un ruolo decisionale.

Siamo concordi nel ritenere che non c’è spazio per la propaganda politica e per le critiche, il lasso di tempo tra l’analisi delle problematiche e la scelta della miglior soluzione da adottare, è breve, e Lei ce lo sta dimostrando chiaramente con le Sue rapide azioni; non ultimo il decreto datato 15 Marzo che pone in quarantena quattro paesi del Vallo di Diano: Caggiano, Sala Consilina, Atena Lucana e Polla (ormai nuovo focolaio del Sud della Campania).

Dopo i Suoi recenti e incisivi interventi, il nostro territorio si è scoperto tanto fragile, quanto spaventato. L’idea di incolumità, di isolamento territoriale e di protezione, che fino a ieri ci rendeva “vigili” e “forti”, oggi ci preoccupa e ci rende vulnerabili. L’aumento del numero di contagiati da Covid-19 ci fa pensare alle limitate risorse sanitarie (posti di terapia intensiva) presenti sul territorio e come queste possono solo lontanamente supportare un’eventuale ondata di malati che necessiteranno di cure specialistiche.

In tal senso La invitiamo a valutare l’utilizzo della struttura del Presidio Ospedaliero di Sant’Arsenio (Sa) -che attualmente ospita anche il servizio del 118, per il trasporto in biocontenimento di pazienti Covid-19 dell’Asl di appartenenza. Una struttura che con piccoli interventi, adeguatamente potenziata con posti letto, in grado di fronteggiare l’emergenza Covid-19, potrebbe rispondere alle attuali esigenze sanitarie.

Il presidio ospedaliero si trova nel comune di Sant’Arsenio, poco distante dall’autostrada Salerno-Reggio Calabria (tra le uscite di Polla ed Atena Lucana), quindi facilmente raggiungibile dall’area del salernitano e zone limitrofe, ha spazio a sufficienza e può essere facilmente isolato.

Sicuri dell’attenzione che ci rivolgerà, La ringraziamo e La sosteniamo da lontano nei Suoi incisivi interventi.

Arsenio Cutolo (Ing. Ricercatore presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II);

Luigi Franco (Dott. Tecnologo Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale (CNR-IMAA) Tito S.- PZ)

Luigi Pandolfo (Medico Rianimatore presso l’ Azienda Ospedaliera Universitaria” San Giovanni e Ruggi D’Aragona

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. pasquale ha detto:

    era ora di proporlo, finalmente vi si è accesa la mente….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#