Una barella di biocontenimento per l’ospedale di Polla. Il prezioso dono della Gopi Anpas di Caggiano

Si rinforza sempre di più l’ospedale di Polla. “Armi” buone – se può esistere questo ossimoro – per contrastare il virus. Infatti è stata consegnata, nel primo pomeriggio, la barella di biocontenimento per il trasporto in estrema sicurezza dei pazienti contagiati dal Coronavirus all’ospedale “Luigi Curto” di Polla. La consegna è stata effettuata dal sindaco di Caggiano, Modesto Lamattina, dall’assessore Angelamaria Isoldi e soprattutto dai volontari della Protezione civile Gopi Anpas di Caggiano. Presenti al momento della consegna anche il sindaco di Teggiano, Michele Di Candia e il responsabile del reparto Covid-19 dottor Domenico Rubino, oltre ad amministratori, medici e operatori sanitari del reparto stesso. Il costo dell’importante strumento è di circa trentamila euro, e si potuto acquistarla grazie alla raccolta fondi dei volontari della protezione civile e di un importante contributo da parte di un ignoto imprenditore.  Nello specifico è un’unità mobile che permette di isolare e trasferire i pazienti contagiati dal Coronavirus e può essere impiegata insieme a strumenti di rilevazione dei paramentri vitali, in modo che il paziente viene costantemente monitorato durante il trasposto. Inoltre all’interno della barella è presente un sistema a filtri che garantisce il riciclo dell’aria e previene la diffusione degli agenti patogeni, riducendo così la possibilità di contagio del personale sanitario.

“La barella di biocontenimento è di fondamentale importanza – ha spiegato Andrea Grippo, responsabile Protezione civile Anpas Campania -. Abbiamo deciso di dare la barella in comodato d’uso all’ospedale di Polla per agevolare il trasporto delle persone positive“.

“Estremamente soddisfatto il sindaco Modesto Lamattina: “Grazie al grande impegno dei volontari della Protezione civile siamo riusciti ad acquistare questa importante barella di biocontenimento. Si tratta di un impegno preso e che abbiamo mantenuto. Ringrazio tutte le persone che hanno contribuito economicamente dimostrando un grande cuore“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *