Bilancio coronavirus in provincia di Salerno: 489 contagi, 33 morti e 20 guariti.

Sono per la maggior parte anziani con più di 71 anni i contagiati da coronavirus nel salernitano. Su 489 casi, il 40% è asintomatico. I decessi hanno riguardato, per il 76%, gli uomini e, per il 24%, le donne. Ecco i dati di un mese di analisi dell’ASL.

Hanno un’età media di 71,6 anni le persone decedute nel Salernitano tra quelle che avevano contratto il coronavirus. In totale, finora si registrano 33 morti, per la maggior parte, sono uomini. Questi i dati, aggiornati ad oggi, del dipartimento di Prevenzione dell’Asl Salerno basati su 489 pazienti in un’analisi del periodo relativo ad un mese. Per quanto riguarda l’età di chi non ce l’ha fatta: 11 persone avevano tra gli 81 e i 90 anni (33%); altre 11, avevano tra i 71 e gli 80 anni (34%); in tre casi, avevano tra i 61 e i 70 anni (9%); in cinque casi, avevano tra i 51 e i 60 anni (15%); in due casi, avevano tra i 41 e i 50 anni (6%); in un solo caso, aveva tra i 31 e i 40 anni (3%). Il tasso di letalità si attesta al 6,75. I decessi hanno riguardato, per il 76%, gli uomini e, per il 24%, le donne. Rispetto ai 489 pazienti presi in esame, 20 sono guariti (4,09%); 12 sono in terapia intensiva (2,45%); 83 sono ricoverati nei reparti covid19 (16,97%); 144 sono in isolamento domiciliare con sintomi lievi (29,45%); 197 sono totalmente asintomatici (40,29%). Il picco più alto del contagio in provincia di Salerno, tra l’8 marzo scorso ad oggi, è stato registrato tra il 22 e il 23 marzo, tra il 25 e il 26 e tra il 28 e il 29 marzo scorsi. Dall’inizio di aprile, invece, i nuovi contagi diminuiti fino a toccare quota 6 tra il 6 e il 7 aprile scorsi. In Campania invece sono 76 nuovi contagi da ieri, il miglior dato da settimane. Un numero particolarmente significativo anche considerato il totale dei tamponi analizzati, ovvero 1.880. Il totale complessivo dei positivi in Campania è quindi di 3.344 unità, a fronte di un totale complessivo di tamponi analizzati di 29.664 unità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *