La storia di Lua, salvata in videochiamata dai medici di Siena e con il farmaco salvavita che deve “aggirare” la zona rossa

Lua è una bambina speciale, soffre della Sindrome di Rett, ma con gli occhi racconta un mondo meraviglioso che vive dentro di sé. Affrontare la quarantena in questo periodo è davvero dura, affrontarla in una zona blindata come il Vallo di Diano aumenta le difficoltà e farlo con bambini speciali che hanno necessità di cure, terapie e medicine specifiche diventa un’impresa. Lo sanno bene le mamme e i papà dell’associazione «Ascoltami», lo sa bene Agnese, mamma coraggio di Lua e vice presidente Conrett Onlus. «Nessun coraggio, solo sopravvivenza e amore per mia figlia», tiene a dire. Ma la sopravvivenza in questi casi è impossibile senza l’aiuto esterno. E nel caso di Lua, sono diversi gli angeli che sopperiscono alle difficoltà ma anche ad alcune mancanze del Piano di zona locale. E in supporto di Lua e Agnese arriva anche la tecnologia.

La storia di Lua, salvata in videochiamata dai medici di Siena e il suo farmaco salvavita

La storia di Lua, salvata in videochiamata dai medici di Siena e il suo farmaco salvavita

Pubblicato da Italia Due su Giovedì 9 aprile 2020

Ma andiamo per ordine: Agnese in tempi «normali» deve recarsi spesso a Siena nella sezione di neuropsichiatria infantile del «Le Scotte», ma dal 15 marzo con Sala Consilina diventata zona rossa per decreto regionale e comunque con il pericolo del contagio, ciò è impossibile da fare. Il farmaco che quotidianamente deve essere somministrato a Lua, il Sarizotan, deve arrivare con un corriere da Siena. Ma i corrieri non vogliono o non possono andare nelle zone rosse a causa del Coronavirus. «Mi sento sola – denuncia Agnese – ma per fortuna poi arrivano persone dal cuore d’oro che mi aiutano». Come Elena e come la protezione civile di Teggiano che porterà, proprio da Teggiano, in zona non rossa, il farmaco che arriverà da Siena. Certo se per aiutare una bambina a sopravvivere si deve anche pensare agli escamotage, diventa tutto più drammatico. Lua ha bisogno di questo farmaco e a volte ha delle crisi. Ma senza la possibilità di avere interventi immediati occorre ingegnarsi. E qui entra in campo la tecnologia: le videochiamate in questa fase servono anche per un supporto medico. E da Siena i medici De Felice, Leoncini e Boasiako in videochiamata hanno aiutato Agnese e Lua. Chiamano spesso per informarsi sulle condizioni della bambina, «e rispondono sempre alle nostre telefonate, sono angeli in camice bianco».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#