Piattaforme didattiche e registri elettronici sotto l’attacco degli hacker

Con l’interruzione della didattica a distanza, proprio mercoledì 9 aprile, per le feste pasquali in corso, sul registro elettronico gestito da Axios, piattaforma dedicata allo strumento per la didattica on line, più diffuso in Italia, indispensabile per studenti e genitori, ma soprattutto per i docenti che vi lavorano quotidianamente, si sono verificati vari problemi di mal funzionamento e alterazioni dovuti a ripetuti attacchi informatici, ai server predisposti alla piattaforma, di tipo DDoS. 

In pratica il mal funzionamento è stato causato da attacchi informatici (tipo DDoS) da parte di hacker che Axioitalia ha provveduto ad arginare grazie al tempestivo intervento dei loro tecnici e quelli di Aruba Enterprise. Dopo aver ripristinato il servizio, la direzione di Axios ha preparato regolare denuncia da inoltrare alla polizia postale, che ha aperto un’inchiesta. La sezione speciale della polizia da giorni è anche al lavoro su una serie di intrusioni verificatesi, durante lezioni on line, su diverse piattaforme utilizzate da docenti e studenti per la scuola digitale. Nei giorni scorsi infatti numerose scuole sulle piattaforme “Impari” sono state vittime di attacchi di hacker, che introducevano materiale violento e improprio nel mezzo delle lezioni. Tanto che alcuni istituti hanno dovuto interrompere per alcuni giorni le lezioni a distanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#