Scuole chiuse fino a settembre. Il ministro Azzolina: “tutti ammessi ma no al sei politico”

A scuola si tornerà sui banchi a settembre, il ministro Azzolina : “Riaprire ora le scuole vanificherebbe gli sforzi fatti”, aggiunge “tutti ammessi, ma no al 6 politico”.

Videolezioni, verifiche da remoto, compiti, interrogazioni via web, si concluderà così per 8 milioni di studenti l’anno scolastico. Il 18 maggio sarà un giorno come un altro e non la data spartiacque, ipotizzata dal Miur, per il rientro degli alunni tra i banchi.

La ministra Azzolina dichiara: “ A mio avviso riaprire le scuole per poche settimane, con ancora 500 morti al giorno, si rischia di vanificare gli sforzi fatti”.

Gli studenti saranno tutti promossi, ammessi agli esami sia i maturandi che gli allievi di terza media, gli esami si svolgeranno o fisicamente in classe con presenze scaglionate, oppure on line con un orale per entrambe le prove, quanto ai voti di questi mesi avranno lo stesso valore di quelli del primo quadrimestre, fa fede il registro elettronico. 

La ministra Azzolina, dichiara, inoltre, che : “ Grazie alla DAD (didattica a distanza) tutti gli studenti saranno valutati, chi merita 8 avrà 8, chi merita 5 avrà 5, ma daremo la possibilità a tutti gli insufficienti di recuperare a settembre”.

Il rientro è ipotizzato per i primi di settembre, è esclusa l’ipotesi dell’alternanza mattina- pomeriggio, in quanto sarebbe un sovraccarico per i docenti. Intanto una commissione ad hoc sta studiando le possibili ipotesi in base all’andamento dell’emergenza Covid, se si dovesse proseguire on line saranno stanziati altri fondi per acquistare tablet e computer e per potenziare le piattaforme didattiche utilizzate da professori e studenti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#