Giornata della Terra: in tempi di emergenza non dimentichiamo gli sversamenti nel Vallo e le lotte per l’ambiente

Giornata della Terra: in tempi di emergenza non dimentichiamo gli sversamenti nel Vallo

Giornata della Terra: in tempi di emergenza non dimentichiamo gli sversamenti nel Vallo

Pubblicato da Italia Due su Mercoledì 22 aprile 2020

L’attenzione massima da parte dell’opinione pubblica, in questo momento, ovviamente, è per l’emergenza Coronavirus. La pandemia sta stritolando la Terra e i suoi abitanti. E il virus è frutto – almeno stando a numerose teorie – all’assenza di rispetto da parte dell’uomo per l’ambiente, la specie animale. Quindi la “Giornata della Terra” assume ancora più importanza per la tutela della Natura, unica strada per assicurarci un futuro, alle nuove generazioni e a noi stessi. Ma bisogna anche proiettarla sul nostro territorio, a ciò che è avvenuto nel Vallo di Diano. Non dimenticare e concentrarsi su quanto avvenuto nel recente passato. Non dobbiamo certo dimenticare che tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 il Vallo di Diano è stato nuovamente violentato: ci stiamo riferendo a quegli sversamenti di idrossido di potassio sui quali indagavano diverse Procure e che hanno visto, finora tre persone denunciate, un sequestro di 16mila litri di prodotto, due aree (a Sant’Arsenio e Atena Lucana) dove veniva stoccato sottoposte a sigilli e ulteriori accertamenti nel Vallo di Diano. Controlli sono stati effettuati anche in alcuni uffici – da quanto è emerso nel corso degli accertamenti – nel comprensorio. Non bisogna dimenticare quanto avvenuto perché solo così si potrà affrontare al meglio il post emergenza. Bisognerà comprendere la direzione di quell’inchiesta e cosa è successo al territorio valdianese. Così come già accaduto in passato.

Nella Giornata della Terra non possiamo però dimenticare chi per il Vallo di Diano ha lottato sempre per la tutela del comprensorio, dalle lotte contro le trivellazioni petrolifere a quelle contro Terna a Montesano sulla Marcellana. Sono forse queste le uniche battaglie che hanno visto il territorio unirsi e anche vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *