Vallo di Diano e Fase 2: i blocchi di cemento rimossi immagini simbolo della ripartenza, ma anche monito

Per il Vallo di Diano e Sala Consilina la Fase 2 riparte da qui. Abbiamo voluto mettere insieme le immagini che forse più di tutte rappresentano le due fasi dell’Emergenza Coronavirus, i blocchi di cemento posizionati tra Sala Consilina e Teggiano quando la città capofila del Vallo di Diano, insieme a altri 4 comuni valdianesi, fu dichiarata “Zona Rossa” e praticamente isolata da un’ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Vallo di Diano e Fase 2: i blocchi di cemento rimossi immagini simbolo della ripartenza, ma anche monito

VALLO DI DIANO E FASE 2: I BLOCCHI DI CEMENTO RIMOSSI IMMAGINI SIMBOLO DELLA RIPARTENZA, MA ANCHE MONITO

Pubblicato da Italia Due su Lunedì 4 maggio 2020

Un passaggio doloroso ma necessario per arginare i focolai del COVID 19 individuati a Sala Consilina, Atena Lucana, Polla, Caggiano e poi anche ad Auletta, e che ha coinciso probabilmente con il momento più buio dell’Emergenza Coronavirus nel Vallo di Diano. Nelle scorse ore quei blocchi di cemento sono stati rimossi, e questo rappresenta senza dubbio un segnale importante per la ripartenza in tutto il territorio valdianese. 4 milioni di italiani tornano al lavoro, molte aziende e fabbriche si rimettono in moto: oggi è iniziata la Fase 2, e alla riapertura di alcune attività si affianca anche la possibilità di riabbracciare -dopo quasi due mesi- i propri congiunti. Si allargano inevitabilmente le maglie dei controlli sugli spostamenti, almeno quelli tra i comuni valdianesi. Dunque l’applicazione delle regole decise dalla Presidenza del Consiglio e dalla Regione Campania anche per la Fase 2 in molti casi è lasciata al senso civico e al buon senso dei cittadini. Ricordiamo dunque che gli assembramenti restano vietati, è che è necessario mantenere la misura relativa al distanziamento fisico di almeno un metro tra le persone. In Campania, inoltre, il presidente Vincenzo De Luca ha reso obbligatorio l’uso delle mascherine ovunque fuori casa, e sono previste sanzioni per chi non lo fa. In queste ultime ore abbiamo appreso di festeggiamenti vari con decine di persone, e dei relativi interventi da parte delle Forze dell’Ordine.

Anche se i blocchi di cemento delle Zone Rosse sono stati rimossi fisicamente, è quindi bene non rimuoverli dalla nostra memoria. Anzi ricordiamoli bene: perché la Fase 2 rappresenta una luce in fondo al tunnel, ma anche una incognita che, se non si utilizza il buon senso e non si rispettano le regole, potrebbe farci tornare tra quindici giorni nel pieno dell’Emergenza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#