Non arriva la cassa integrazione, imprenditore cilentano anticipa gli stipendi ai suoi lavoratori

Stipendi in anticipo per i lavoratori che non hanno ancora ricevuto la cassa integrazione dallo Stato. Un modo per affrontare l’emergenza economica e per permettere di guardare avanti con ottimismo. L’iniziativa è .Alessandro Infante, 31 anni, titolare dell’agenzia di trasporto “Infante Viaggi”, un imprenditore di Camerota. “In un periodo di emergenza straordinaria – ha spiegato – è necessario mettere in campo misure di sostegno straordinarie. Il titolare di un’azienda non deve solo far quadrare i conti – continua – ma deve innanzitutto essere un buon padre di famiglia”.

“Tutti i miei dipendenti hanno figli a carico, mutui da pagare e sono quasi tutti monoreddito – spiega Infante – non potevo far finta di nulla. Sono andato in banca – racconta con orgoglio l’imprenditore di Camerota – a chiedere dei prestiti per anticipare gli stipendi a chi era in difficoltà”. Non solo: ha anche stipulato delle polizze anti-covid per tutto il personale. “Ho ritenuto tutelare  i lavoratori – aggiunge – con una polizza integrativa che copre ogni eventuale spesa in caso di contagio. L’azienda Infante, una storica azienda di famiglia, conta circa venti dipendenti annuali e una decina di lavoratori stagionali per il periodo estivo. “Nonostante la crisi e l’incognita turismo – conclude – anche quest’anno, con grandi sacrifici, abbiamo deciso di assicurare tutte le corse giornaliere, anche quelle a lunga percorrenza del Cilento Bus che collega il sud della Provincia con Salerno, Pompei e Napoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#