Sala Consilina: studenti del Cicerone in videoconferenza con la “Fondazione Veronesi”

Giovedì 28 maggio, a partire dalle ore 18, 00, gli studenti delle classi VA e VB del  Liceo Classico, guidati dal docente Carmine Pessolano, hanno partecipato  alla videoconferenza “Ricercatori in classe”, un progetto promosso dalla “Fondazione Veronesi”, da sempre molto attiva nel sostegno alla ricerca e nella divulgazione scientifica.

L’iniziativa ha la finalità di diffondere, tra i giovani, una maggiore consapevolezza sui risultati della ricerca scientifica, le cui scoperte dovrebbero diventare patrimonio di tutti, soprattutto in questo periodo di emergenza. La Fondazione Veronesi ha proposto una “lezione speciale” di 60 minuti, in modalità video conferenza con Hangouts Meet, tenuta dal Ricercatore della Fondazione Dott. Luigi Ippolito, che ha parlato dell’importanza della ricerca scientifica e della professione del Ricercatore, con specifico riferimento all’oncologia e al proprio progetto di ricerca.

Il dott. Luigi Ippolito, ex studente del Cicerone, indirizzo liceo classico, di origine santarsenese, ha esposto argomenti scientifici con mera abilità e attraverso le sue esperienze ha condiviso con gli studenti l’itinerario del suo percorso formativo, le sue passioni, i suoi hobby e ha commentato, soprattutto, che “È importante fare ricerca, anche se il lavoro di ricercatore costa sacrifici immani, con prospettive future incerte e spesso precarie”.

La ricerca è un argomento”, continua il dott. Ippolito “ Che dovrebbe interessare tutti, non solo gli addetti ai lavori, rappresenta, inoltre, un fondamento della nostra società sia culturale che di quotidiana utilità, ecco perché occorre sostenere la ricerca per guardare al futuro con l’intento di tutelare la salute di ogni singolo individuo”.

L’evento webinar, coordinato dal prof. Antonio Anzalone, ha riscosso il plauso della dirigente scolastica dott. ssa  Antonella Vairo che si è ritenuta soddisfatta dei risultati formativi raggiunti e della riuscita dell’iniziativa.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#