Sala Consilina: gli studenti del Cicerone, indirizzo IPSASR, protagonisti di un progetto eTwinning

Portato a termine, nonostante le difficoltà causate della pandemia, per l’anno scolastico 2019/20, il progetto eTwinning al quale hanno aderito gli studenti della classe IV A dell’indirizzo IPSASR(Agrario), dell’IIS “M.T. Cicerone” diretti dalla docente d’inglese, prof. Marianna Infante. 

Grazie all’azione del programma di Apprendimento Permanente dell’Unione Europea nell’ambito del Programma Comenius, eTwinning coinvolge insegnanti, studenti e scuole sin dalla sua creazione nel 2005. L’obiettivo dell’azione è promuovere l’interazione e la collaborazione online tra insegnanti e studenti utilizzando gli strumenti delle moderne Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC). Nel 2014 eTwinning è stato integrato con successo in Erasmus+ il Programma europeo per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport.

Gli studenti, che sono stati coinvolti attivamente, hanno realizzato un e-book dal titolo ‘Endangered Animals in our Territory’, disponibile on line.

http://https://www.canva.com/design/DAD9pewndZM/_1DnF2_0EjTNbqkBZCnSmw/view?utm_content=DAD9pewndZM&utm_campaign=designshare&utm_medium=link&utm_source=viewer

 

Il progetto raccoglie le attività di ricerca di ciascuna scuola europea  sulle specie vegetali e animali in via d’estinzione nel territorio locale, pertanto gli allievi del Cicerone hanno focalizzato le loro ricerche su animali come la lepre corsicana, la primula di Palinuro, l’aquila reale, l’agave e tante altre varietà del mondo della flora e della fauna.

Il lavoro si è articolato mediante l’interazione nella chatroom della piattaforma con i partners europei e al termine del progetto, gli alunni hanno ricevuto un attestato di riconoscimento dalla eTwinning Community per l’impegno profuso in ciascuna attività. Viva soddisfazione è stata espressa dalla dirigente scolastica dott.ssa Antonella Vairo per i risultati raggiunti.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marianna ha detto:

    Un plauso va anche alla rispettabilissima docente Antonella Morena per aver accuratamente divulgato e condiviso le fasi salienti di questo progetto e aver curato l’informazione con impeccabile professionalità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#