Vallo di Diano. Droga nascosta nella lattina di Coca cola o nella macchina fotografica: scoperti dai carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina  nel corso di un servizio coordinato “ad alto impatto”, effettuato nel primo weekend del mese di luglio, teso al controllo dei luoghi della “movida” per la verifica del rispetto delle misure in materia di contenimento e
gestione della diffusione del contagio pandemico da covid-19, nonché per la prevenzione dell’uso di stupefacenti da parte degli automobilisti hanno complessivamente denunciato 2 persone per “rifiuto di sottoporsi ad accertamenti tossicologici”, segnalato alla locale Prefettura 8 persone (di età compresa tra 22 e i 38 anni), per “uso personale di sostanze stupefacenti”, sottoponendo a sequestro complessivamente circa 30 grammi di droghe di vario genere, specificatamente del tipo cocaina, eroina, marijuana ed hashish. “I controlli alla movida, spiega una nota stampa dell’Arma dei Carabinieri, hanno portato alla chiusura per 5 giorni di un bar del Vallo di Diano dove si erano assembrate circa 400 persone, per la maggior parte non munite di dispositivi di protezione individuale (mascherine) ed a cui erano state vendute bevande alcooliche da asporto oltre l’orario consentito da vigenti ordinanze regionali.
I controlli alla circolazione stradale hanno invece interessato circa 130 veicoli e 150 soggetti, diversi dei quali pregiudicati, nonché consentito di sequestrare diversi oggetti di largo consumo, detenuti dagli automobilisti controllati ed abilmente modificati per occultare lo stupefacente, tra questi “una lattina di coca-cola, un accendino nonché una macchinetta fotografica” . Oltre 15.000 euro è il valore delle sanzioni elevate per violazioni al codice della strada e 5 le patenti di guida ritirate”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#