Coronavirus, De Luca: “I controlli si sono abbassati pericolosamente. Scuola? Riapertura verso il 14/15 settembre”

Vincenzo De Luca in diretta Facebook come ogni venerdì fa il punto sulla situazione del Coronavirus in Campania. “Abbiamo avuto un ritorno dell’epidemia una ripresa di contagi e focolai, c’era da attenderselo. Bisogna chiudere le porte in relazione a Paesi con contagi e fare attenzione a rientri dagli Stati Uniti d’America. Noi in Campania abbiamo avuto un concittadino che è tornato da New York è arrivato a Fiumicino ed è tornato in Campania senza alcun controllo. Il livello dei controlli si è abbassato pericolosamente e non ci sono divieti verso l’Italia”.

Continua Vincenzo De Luca, che parla anche da ricandidato alle Elezioni Regionali in Campania: “Nelle prossime settimane avremo attenzione ossessiva su focolai e piccole zone di esplosione dei contagi per non perdere tutto ciò che abbiamo guadagnato con i sacrifici. Il problema è dietro l’angolo e non l’abbiamo superato. Faremo ripetizione di tamponi su personale sanitario e ospedaliero e poi nelle residenze per anziani e fasce di popolazione a rischio. Faremo screening su personale scolastico in previsione della riapertura delle scuole, 180mila screening in Campania, ovvero test sierologici o tamponi Covid”.

Continua de Luca: “Quando finirà questo calvario? Si ipotizza per fine 2020 si metterà in produzione il vaccino Covid-19. E ci vorrà qualche mese per la disponibilità. Questa fase intermedia deve essere governata con attenzione, senza importare contagi da fuori. Ma non abbiamo superato definitivamente questa fase, il contagio è dietro l’angolo”. Poi l’attacco su chi non indossa la mascherina sui mezzi di trasporto e ai terminal di attesa: “Occorre indossare la mascherina lì e nei luoghi chiusi e pure in quelli aperti quando c’è assembramento. È fondamentale”.

Il Governatore della Campania sposta poi l’attenzione sull’inizio dell’anno scolastico. Le scuole in Campania potrebbero riaprire intorno al 14/15 settembre. “Rispetto al nostro iniziale orientamento di riaprire il 24 settembre – ha spiegato – è intervenuta una novità, la nomina a commissario per l’emergenza scolastica Arcuri che proporrà una campagna di screening sul piano nazionale per l’inizio di settembre. Dovremo collocarci dentro quel periodo e decideremo di fare l’apertura dell’anno scolastico come le altre regioni tra il 14 e 15 settembre. Ne daremo comunque preventiva comunicazione. Quello che serve – ha precisato – è aprire mettendo in sicurezza le scuole e prepararci a produrre milioni mascherine da dare ai ragazzi. Quello che non vogliamo sono le scuole pollaio”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#