Appello del sindaco di Sanza: “Assistiamo a lassismo, ma il pericolo Covid è ancora esistente”

Nuovo appello del sindaco, Vittorio Esposito, unitamente all’amministrazione comunale, ai cittadini di Sanza al rispetto delle norme anti Covid. La situazione in merito alla diffusione del Coronavirus sta creando molteplici preoccupazioni nel basso salernitano con la presenza di molteplici casi accertati nelle comunità vicine. “E’ necessaria la massima attenzione ed il rispetto rigoroso delle norme di contenimento del Covid – ha affermato il sindaco Esposito – non ci possono essere deroghe a comportamenti che non possono essere che definiti pericolosi per la salute e l’incolumità della collettività. Assistiamo ad un lassismo generale da parte dei giovani ma anche degli adulti che evidentemente sottovalutano la pericolosità di un virus che si diffonde facilmente grazie alla mancanza di rispetto di poche ed essenziali regole di comportamento. L’uso della mascherina ed il divieto di assembramenti, sono, non solo norme contenute nelle Ordinanze ancora valide ed efficaci, ma soprattutto sono regole di buonsenso che tutti dovremmo attuare. E’ necessario che i locali pubblici rispettino le Ordinanze relative agli orari di apertura e alla somministrazione di bevande; il distanziamento è necessario e deve essere rispettato da tutti. Intensificheremo con l’ausilio della Stazione Carabinieri di Sanza, oltre che con la Polizia Municipale, i controlli e non ci sarà alcuna flessibilità nell’applicazione delle sanzioni. Occorre essere responsabili e consapevoli che i nostri comportamenti errati mettono a rischio i sacrifici che l’intera comunità ha compiuto in questi mesi di emergenza” ha aggiunto il sindaco Esposito ricordando che per Ordinanza regionale sono vietate feste pubbliche e private con assembramenti di persone. Un riferimento specifico poi il sindaco Esposito lo ha fatto in merito alla situazione gravosa che stà affrontando la vicina comunità di Caselle in Pittari ed anche quella di Buonabitacolo. “Con grande apprensione stiamo vivendo unitamente agli amici di Caselle in Pittari e di Buonabitacolo questi giorni carichi di preoccupazione per questi focolai di Covid accertati. Siamo certi che la determinazione e le capacità messe in campo dalle amministrazioni dei colleghi Nuzzo e Guercio, sapranno al più presto arginare la diffusione del virus. Nel mentre alle comunità di Caselle e di Buonabitacolo va tutto il nostro sostegno morale” ha aggiunto Esposito. Infine, il sindaco ha voluto lanciare un messaggio di rassicurazione anche alle famiglie degli studenti che tra qualche giorno riprenderanno le lezioni per il nuovo anno scolastico. “Stiamo lavorando ogni giorno, senza sosta, per garantire spazi e servizi così come è stabilito dalle norme, per i nostri ragazzi che tra qualche giorno ritorneranno in classe. sanificazione dei locali, spazi adeguati e banchi monouso. Soprattutto l’attenzione massima al rispetto di tute le norme relative al protocollo anti Covid. Invito dunque tutte le famiglie, in attesa di conoscere la data di inizio del nuovo anno scolastico, presumibilmente il 24 settembre, a preparare i ragazzi al ritorno a scuola, indicando loro tutte le buone norme di comportamento, a partire dall’igienizzazione e dall’indossare la mascherina, che saranno fondamentali per garantire la sicurezza sanitari nei nostri ragazzi” ha concluso il sindaco Esposito.

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …tutto questo forse si sarebbe potuto evitare se non fosse stata elargita la solita elemosina con il buono vacanze . Tanti cialtroni sarebbero rimasti a casa e non si sarebbero lasciati prendere dalle smanie della villeggiatura da briatore o in altri posti modaioli e idioti che non hanno fatto altro che moltiplicare l’epidemia. Speriamo ci renda conto che rispetto e responsabilità sono fondamentali anche perchè l’età di contagio si è abbassata, quindi ANCHE QUELLI CHE SI RITENGONO IMMORTALI OGGI POSSONO CREPARE, NON SOLO I VECCHI!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#