Contrasto al fenomeno droga nel vulture-melfese. Un arresto dei Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Melfi (PZ) hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 30enne di Atella, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari, nell’ambito di un mirato servizio volto al contrasto dei reati nello specifico settore, avendo individuato un soggetto sospettato di essere dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno proceduto ad una serie di perquisizioni di iniziativa a suo carico.

L’uomo si è mostrato, da subito nervoso, negando qualsiasi coinvolgimento in attività di spaccio.

Tuttavia, i Carabinieri, nel corso delle operazioni di ricerca, presso la sua abitazione, hanno individuato una cassaforte chiusa.

A quel punto, alla richiesta di apertura della stessa avanzata dal personale dell’Arma, il 30enne ha, di fatto, dovuto ammettere il possesso della droga, per cui ha inserito il codice di sblocco.

I militari hanno, pertanto, rinvenuto e sottoposto a sequestro 4 dosi di cocaina pronte per la cessione, del peso di 0.5 grammi ciascuna, oltre a 4.500 euro di denaro contante, provento dell’attività di spaccio e materiale vario per il confezionamento della droga.

Al compimento di tutte le attività gli operanti hanno arrestato l’uomo.

L’operazione di servizio è da annoverare tra le serrate attività d’istituto destinate ad assicurare un efficace controllo del territorio, per la tutela dei cittadini, azione che i Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza stanno conducendo attraverso i presidi territoriali dipendenti, quali i Comandi di Compagnia e Stazione.

A riguardo si segnala che l’ultima attività in ordine di tempo, nella delicata materia, condotta anch’essa nel vulture-melfese, risale al 2 settembre scorso, allorquando i Carabinieri della Compagnia di Melfi hanno tratto in arresto, a Rionero in Vulture (PZ), un 33enne del luogo trovato in possesso di 37 grammi di sostanza stupefacente.

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#