Scuola, trasporti e pandemia, l’allarme del sindaco di Auletta: “Centinaia di ragazzi sugli autobus, chi controlla?”

“Da quando è iniziato l’anno scolastico tutti parlano di banchi singoli e distanziamento a Scuola, ma da nessuno sento dire una parola sulle condizioni dei trasporti”. Il sindaco di Auletta Pietro Pessolano accende i riflettori sugli autobus che ogni giorno portano a scuola centinaia di studenti nel Vallo di Diano e nel Tanagro. Il primo cittadino aulettese vuole saperne di più sulle condizioni di viaggio e di sicurezza anti-COVID dei mezzi di trasporto su gomma, gli unici in servizio in queste aree. Nei giorni scorsi si è attivato per controllare la situazione, in parte in parte in prima persona, in parte interrogando i ragazzi. Ma dopo i primi riscontri, ovviamente parziali, i dubbi restano: nessuna accusa, ma una richiesta di maggiori controlli. “Non vorrei –sottolinea Pessolano- che i trasporti rappresentassero il vero anello debole della catena «scuola» ai tempi della pandemia, e per giunta una problematica che si preferisce far finta di non vedere. Ad esempio nel Vallo di Diano e nel Tanagro, per quello che ho visto e che mi hanno raccontato i ragazzi, sugli autobus tutti i posti sono occupati, e talvolta ci sono anche ragazzi che restano in piedi. La capacità dei mezzi di trasporto dovrebbe essere ridotta all’80%, ma è difficile da verificare”.

Per Pessolano si tratta di un vero controsenso, con i ragazzi che vengono controllati “a vista” e distanziati a scuola, quando poi nessuno si preoccupa di quello che accade immediatamente prima. “I ragazzi che possono stare tranquillamente seduti affianco o in piedi su un autobus, non possono sedere nello stesso banco a scuola. È evidente che si utilizzano due pesi e due misure”.

Altro tema lanciato dal primo cittadino di Auletta è la mancanza di qualsiasi controllo della temperatura sui mezzi di trasporto. “Trovo veramente ridicolo –attacca- che non ci siano termo-scanner o qualche altro sistema per misurare la temperatura di chi sale sugli autobus, e che poi magari invece la temperatura sia misurata nelle scuole. Lo “sceriffo” De Luca ci obbliga all’uso della mascherina e minaccia nuovi lockdown –conclude Pessolano- ma volta la testa dall’altra parte sui trasporti”. Osservazioni quelle del Sindaco di Auletta che, condivisibili o meno, sono finalizzate a maggiori controlli sui mezzi che trasportano quotidianamente centinaia di ragazzi a scuola nell’era della pandemia.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Giuseppina ha detto:

    Bravo, bravo!!! Finalmente un uomo delle istituzioni ha il coraggio di affrontare questo problema. Come mamma sono seriamente preoccupata per questa situazione ma si fa finta di non vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#