Riflessioni su uno schiaffo: i commenti sui Social specchio inquietante di una società divisa su tutto

Anche uno schiaffo può dividere l’Italia. Siamo un paese straordinario, dove abbiamo una opinione su ogni cosa, e non importa se normative e leggi stanno lì a dirci il contrario. Un esempio eclatante e per la verità abbastanza sconcertante è il più recente: le immagini del professore che schiaffeggia l’alunno in un Istituto Scolastico Superiore di Teggiano hanno in poche ore fatto il giro d’Italia. Sull’episodio sono in corso le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina e quella interna alla scuola, che stabiliranno responsabilità ed eventuali provvedimenti.

Riflessioni su uno schiaffo: i commenti sui Social specchio inquietante di una società divisa su tutto

RIFLESSIONI SU UNO SCHIAFFO: I COMMENTI SUI SOCIAL SPECCHIO INQUIETANTE DI UNA SOCIETÀ DIVISA SU TUTTO

Pubblicato da Italia Due su Giovedì 8 ottobre 2020

I video ovviamente sono diventati virali in pochissimo tempo sui social, e hanno generato migliaia di commenti. Leggendo i quali si scopre che se pure molti sono improntati al buon senso, altrettanti sono inquietanti se non peggio. E così scopriamo che se per qualcuno il comportamento del professore è “inconcepibile”, per qualcun altro “un po’ di schiaffi non guastano”. E ancora c’è scrive di “Immagini che fanno male al cuore”, e chi invece ricorda che “ai miei tempi questi schiaffi li prendevamo tutti i giorni”. E se qualcuno ricorda che “si tratta di un atto di violenza su minore, peraltro compiuto da un educatore”, c’è addirittura chi si complimenta con il professore: “dovrebbero essere tutti come lei”.

Sono commenti che non possono lasciare indifferenti, perché vengono per la maggior parte da adulti e sono lo specchio di una società sempre più divisa su ogni cosa, nella quale sullo stesso tema siamo pronti a schierarci su fronti totalmente opposti. E però allo stesso tempo a una lettura meno superficiale non si può non cogliere nei commenti più “estremi” quasi una soddisfazione nella “lezione” impartita dal professore al malcapitato studente, a dimostrazione di una parte degli Italiani che cova risentimento e insoddisfazione, sempre più incattivita e potenzialmente violenta. Una deriva strisciante, che anche se “verbale” nel caso dei commenti resta preoccupante, e che evidentemente è stata aggravata dalla pandemia e dal lockdown. Una parte consistente degli Italiani non perde occasione per manifestare il proprio disprezzo per le regole, con la pretesa e l’ambizione di poterle modificare a propria immagine e somiglianza. E con adulti ed esempi così… viene da domandarsi che esempio possano mai avere i nostri giovani. Per fortuna al di là delle opinioni e dei commenti esistono ancora norme, regolamenti e leggi, e istituzioni che hanno il dovere di farle rispettare.

3 risposte

  1. Teggianese ha detto:

    Vi è un detto che mazza è pannella fanno i figli belli.. Il problema più grave a mio avviso sono i genitori che danno tutto per scontato, poi ci lamentiamo quando si esaltano tra ragazzi e succedono le tragedie. Alla fine il prof. Ha fatto quello che dovrebbero fare i genitori quando un figlio manca di rispetto ad una persona più anziana. Chiaramente viene condannato dalla società per il gesto, ma non per il valore del gesto.

  2. Francesca ha detto:

    Ma ci rendiamo conto????
    Come un professore può arrivare a fare questo?
    Un educatore? Assolutamente no!
    Un violento, un frustrato, un ignorante…sì perché questo soggetto ignora il fine del suo lavoro che è piuttosto una vera e propria missione!

  3. Peppe ha detto:

    Ha fatto bene, qui non è una questione solo di rispetto altrui qui si parla di vivere o morire, e visto che la giustizia non fa spesso il proprio lavoro non punendo adeguatamente chi delinque, ripeto anche un calcio nel sedere non avrebbe fatto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *