Le scuole primarie in Campania restano chiuse. La Regione dopo il summit: “Altri 10 giorni di studio”. Fondi per i trasporti scolastici

Si è svolta questa mattina la riunione convocata dal Presidente Vincenzo De Luca con i rappresentanti del mondo della scuola, i sindacati e la Direzione scolastica, con i dirigenti delle Asl, dell’ospedale Santobono e i componenti dell’Unità di Crisi. Nel quadro generale di particolare gravità, nel confronto è stata innanzitutto evidenziata la grande attenzione della Regione verso il mondo della scuola – come viene riportato nella note dell’ente guidato da De Luca – ancora nelle ultime settimane come già alla fine dell’estate con lo screening di massa per il personale docente e non docente, e l’acquisto dei termoscanner.
“E’ stata affrontata e discussa l’ipotesi della ripresa di didattica in presenza, almeno per i primi due anni della scuola primaria, ed è stato illustrato il dato epidemiologico che riguarda questa e le altre fasce di età scolastica. Sulla base dei dati sull’andamento epidemiologico dell’Unità di Crisi, delle Asl e del Santobono, si è concordato sulla necessità di verificare la situazione nei prossimi 10 giorni. Va monitorato se si registrerà  un raffreddamento del contagio relativo alla scuola primaria tale da consentire un allentamento delle misure già prese, in condizioni di piena sicurezza per gli alunni, il personale e le famiglie”.
E’ stata condivisa inoltre la necessità di utilizzare comunque questi giorni per prepararsi al futuro, in particolare in tema di trasporto pubblico. Il Presidente De Luca ha informato i partecipanti che altri 250 bus di società private saranno destinate al trasporto con uno stanziamento di 4 milioni di euro, e si lavorerà insieme anche per ulteriori iniziative di sostegno al mondo della scuola. Nel frattempo proseguono i progetti scolastici per le fasce più deboli, per la didattica di sostegno, per garantire un ampliamento dei congedi parentali per i genitori come già richiesto al Governo, e bonus destinati all’acquisto di tecnologie utili alla didattica a distanza.
“E’ stato importante – ha dichiarato De Luca – registrare un clima di grande collaborazione e grande senso di responsabilità fra tutti i partecipanti a questo importante confronto”.

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …tenere chiusa la scuola dell’infanzia e primaria è una idiozia considerando che il sistema , in questo sfacelo, ha funzionato. Le ultime classi delle scuole superiori vanno tenute chiuse o al più funzionanti con la didattica a distanza. I giovani delle classi superiori di licei ed istituti tecnici hanno dato ampia dimostrazione di quanto sia vicini ai comportamenti assurdi e strafottenti dei loro genitori.Certo non tutti ma, come per il resto del paese, una larga parte di studenti e cittadini si comporta in modo irresponsabile ,incivile ed ignorante. Le violenze di piazza ne sono la dimostrazione e la beceraggine di una opposizione leghista e fascista che soffia sul fuoco ne è la dimostrazione!!!! Per il problema trasporti si scontano anni di abbandono , ma de luca ha grandi responsabilità per non aver affrontato seriamente il problema a suo tempo buttando denaro pubblico per opere faraoniche come l’aeroporto di salerno, una vergogna, e foraggiando ora autolinee private . Controllare severamente è la parola d’ordine e attenti al mazzettificio dilagante!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *