Coronavirus in Campania, De Luca: “Dati preoccupanti. Meglio lockdown totale”

Vincenzo De Luca parla del rischio di slittamento della Campania in zona arancione o in zona rossa Covid, quindi con pesanti restrizioni sulle attività commerciali rispetto ad oggi. Nella sua diretta del venerdì il governatore della Campania ha attaccato il piano del governo Conte (il Dpcm e la divisione delle regioni in fasce): “Avrei preferito il blocco di un mese per tutto”. Il motivo è presto spiegato: “Io credo che rischiamo di avere addirittura un paradosso – afferma -. Oggi chi è stato collocato in zona protetta, com’era prevedibile si sente bersagliato più sul piano politico che sul piano del contagio. Ma si rischia questo paradosso: “Chi oggi entra in zona rossa a Natale si troverà nella condizione di aprire mentre viceversa chi oggi è in zona arancione e gialla rischia di dover chiudere tra un mese. Rischiamo di entrare nella zona rossa tra una settimana se abbiamo comportamenti irresponsabili”. “.

Continua De Luca: “Per cui dobbiamo essere ancora più attenti ancora più attenti, altrimenti rischiamo di chiudere fra un mese, così come rischiamo di entrare in zona rossa fra una settimana. Se immaginiamo di avere i comportamenti allegri disinvolti e non responsabile la settimana non ci vuole niente”.

 

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. fusco antonio ha detto:

    …purtroppo a malincuore devo essere d’accordo con de luca. Quello che vedo in giuro non mi piace e mi sembra che il già poco senso di responsabilità e civiltà di buona parte della nostra gente sia ancora diminuito. Controlli,controlli e controlli non c’è altro da fare oltre che punire severamente chi non rispetta le regole del vivere civile e gli altri. Facciamo un sacrificio , cerchiamo di non uscire per cose inutili o per vagabondare davanti ad un bar chiuso o tabaccheria nella vana speranza di trovare un fratta e vinci. Fumiamo di meno e beviamo di meno, cerchiamo di ricordarci che la vita è una sola e che esiste anche un’altro modo di vivere, non come animali.

  2. fusco antonio ha detto:

    …purtroppo a malincuore devo essere d’accordo con de luca. Quello che vedo in giro non mi piace e mi sembra che il già poco senso di responsabilità e civiltà di buona parte della nostra gente sia ancora diminuito. Controlli,controlli e controlli non c’è altro da fare oltre che punire severamente chi non rispetta le regole del vivere civile e gli altri. Facciamo un sacrificio , cerchiamo di non uscire per cose inutili o per vagabondare davanti ad un bar chiuso o tabaccheria nella vana speranza di trovare un gratta e vinci. Fumiamo di meno e beviamo di meno, cerchiamo di ricordarci che la vita è una sola e che esiste anche un altro modo di vivere, non come animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *