“Ti amo da morirNe”, a Viggiano uno spettacolo teatrale contro la violenza sulle donne

Il 26 novembre, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, sarà possibile assistere online, sul sito istituzionale del Comune di Viggiano lo spettacolo teatrale “Ti amo da morirNE”, scritto, diretto ed interpretato da Mena Vasellino.

Lo spettacolo è un omaggio alle tante donne vittime di violenza domestica, con una particolarità: a raccontare al pubblico come sono andate realmente le cose e come si è arrivati all’epilogo finale, è la stessa vittima, che individua negli spettatori i tanti che assistono di solito a questi episodi devastanti arrogandosi il diritto di sapere tutto  e che si disperano sempre tardi per non essere potuti intervenire prima. Un grido al mondo perché non si può assistere silenti quando le vittime sono in vita e piangerle disperatamente quando non c’è più nulla da fare.

“Le politiche sociali sono in assoluto la delega più delicata ed impegnativa in una comunità, poiché ha diverse ramificazioni. Da anni l’amministrazione comunale si impegna nel sostenere con forza questa tematica, ponendo in essere molte iniziative”, dichiara l’Assessore Gerardi, “Questo è un anno particolarmente impegnativo, ha richiesto l’attivazione di servizi suppletivi dell’ufficio sociale, si pensi allo sportello di supporto psicologico e al fondo beni di prima necessità. È stato un anno nel quale l’emergenza sanitaria non ha fatto abbassare l’attenzione sul tema, anzi, lo ha per certi versi amplificato. Per questo motivo l’amministrazione comunale ribadisce con forza il sostegno al movimento contro la violenza sulle donne, che non è solo violenza sulle donne, ma anche violenza di genere e violenza sociale”, prosegue Gerardi, “Alcuni gravissimi episodi avvenuti quest’estate nella nostra regione, dovrebbero far riflettere anche la nostra comunità, farci chiedere verso quale futuro stiamo andando e quali valori diamo alle future generazioni, se questa società liquida fatta di social e priva di contatti e confronti umani, alienata ed alienante, sia effettivamente la giusta strada. Quest’anno, con l’emergenza sanitaria in atto, si è voluto dare spazio alla vittima, in un contesto diverso come  quello web”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *