Sala Consilina, mega-manifesto con la frase di Arminio: ecco il “botta e risposta” tra i giovani ideatori e il giovane Assessore Spinelli

Forse nemmeno loro si aspettavano tanto clamore. I GIOVANI di Sala Consilina “battono un colpo” e mettono il loro timbro con un gesto significativo alla fine di un 2020 che li ha visti tra i più sofferenti. Un anno maledetto che li colpiti nel valore fondamentale della loro età: LA LIBERTÀ.
Per la verità di colpi i giovani ne hanno battuti 33, quanti sono stati i metri necessari a comporre la frase emblematica presa in prestito dal poeta paesologo FRANCO ARMINIO, e allora ecco che il gesto trascende: non sono più soltanto i giovani di Sala Consilina, MA SONO TUTTI I GIOVANI DEL SUD a lanciare il loro grido preoccupato. “Tornate, non dovete fare altro. Qui se ne sono andati tutti, specialmente chi è rimasto”.
I GIOVANI DI SALA CONSILINA SENTONO IL VUOTO INTORNO, e sanno che forse nel 2021 la crisi pandemica potrà anche aver fine, ma l’arretratezza culturale, economica e strutturale del Sud resterà un macigno pesante sui loro sogni, sulle loro possibilità di vivere. Il loro è un grido liberatorio dopo un anno senza libertà; NON È UN GRIDO CONTRO SALA CONSILINA MA È UN GRIDO D’AMORE PER SALA CONSILINA E PER IL SUD che forse -loro lo sanno- saranno costretti a lasciare per vivere appieno. Oppure a restare, ma con le ali tarpate.
I giovani di Sala Consilina esistono, e battono un colpo. Lo fanno a modo loro, con il loro entusiasmo e i loro ideali, e anche con la loro irruenza. CERTO, NON CHIEDONO IL PERMESSO. Ma questo 2020 maledetto ha tolto loro il respiro, e QUANDO TI MANCA L’ARIA E TI SENTI ANNEGARE E GRIDI “AIUTO” NON PENSI A CHIEDERE IL PERMESSO. Speri soltanto che qualcuno ascolti, che qualcuno capisca. Speri in una mano tesa, magari in una promessa di soccorso. I giovani di Sala Consilina sperano soltanto che qualcuno risponda: “LO SAPPIAMO CHE CI SIETE”.
Invece la prima risposta non è incoraggiante, non è elastica, non è comprensiva. IL PERMESSO NON C’È, e le Istituzioni sono rigide: “le norme sono norme”. Non è importante interpretare, leggere tra le righe, capire il contesto -questo maledetto 2020- in cui è maturato il gesto. Ciò che conta è “cancellare l’abuso”.
Ma così il clamore del gesto dei giovani salesi cresce a dismisura, perché quella lunga e triste striscia bianca senz’anima diventa più emblematica della lunga scritta che è stata coperta, e che invece aveva cuore. Chissà perché le norme più facili da far rispettare sono sempre quelle che riguardano i ragazzi. Per gli adulti ci sono spesso distinguo, compromessi, a volte si fa addirittura finta di non vedere. In questo caso “il ripristino della legalità” è stato immediato. Il caso è risolto, l’abuso è sanato, l’esempio è dato.
Ma come dice De Andrè:
“Una notizia un po’ originale
non ha bisogno di alcun giornale.
Come una freccia dall’arco scocca
vola veloce di bocca in bocca”.
Più che censura è mancanza di sintonia, di elasticità mentale, di capacità di ascolto, e dimostra perché i giovani di Sala Consilina e del Sud sentono il vuoto intorno. In generale adulti e giovani del Sud viaggiano da tempo su frequenze parallele che raramente si incontrano davvero: non è una bella premessa per il 2021 che sta per iniziare.
Ma per fortuna ci sono invece, fuori e dentro le istituzioni, adulti che hanno uno sguardo e un approccio diverso nei confronti dei giovani e del loro attivismo “politico”, inteso nel senso nobile del termine, quello della partecipazione. Adulti che hanno voglia di dialogare e di tendere loro quella mano, simbolica ma necessaria: adulti che, insieme a questi giovani, accendono la speranza in un anno migliore di quello appena trascorso.
Ma adesso parola a loro: a due rappresentanti dei giovani che hanno ideato il manifesto (Antonio Parrella e Stefania Maio), e a un rappresentante degli adulti che tendono la mano (l’Assessore Francesco Spinelli).

3 risposte

  1. fusco antonio ha detto:

    …..sono molti gli adulti che hanno vissuto in gioventù e rivivono in vecchiaia la frustrazione di questi ragazzi e che sono vicini a loro, valigia in mano, gambe in spalla e pedalare al nord o all’estero. Questi ragazzi mi aprono il cuore e mi danno fiducia in un futuro migliore. <Speriamo bene!!!!

  2. fusco antonio ha detto:

    ho dimenticato di r icordare ai giovani ed agli adulti che le responsabilità sappiamo tutti di chi sono. Ripeto : una classe politico dirigenziale pessima nella quasi totalità che ha afflitto ed affossato questo territorio dal fascismo ai giorni nostri. Il solo pensiero di costoro è stato ed è quello dell’interesse personale da coltivare ed espandere approfittando della cosa pubblica e del suo denaro. Clientele, nepotismo, corruzione, mazzettifici e quantaltro sono stati bandiera e segno distintivo di ogni partito politico che si è avvicendato al potere. Naturalmente grande responsabilità ricadono sul popolo che ha votato quasi sempre lasciandosi comprare e manovrare a piacimento per avere delle elemosine da perdsita de compagne della perdità di dignità ed onore. Sarebbe ora che si destasse il popolo salese salesi e quello del vallo dal sonno della ragione. dignità

  3. fusco antonio ha detto:

    non sono riuscito a cancellare un errore di stampa che riguarda le parole “da perdsita de ” dopo la parola “elemosine” ed anche “salesi” dopo salese. .Me ne scuso, ma il senso di quello che volevo dire si comprende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *