Coronavirus, aumentano i casi nel Vallo di Diano. L’unità di Crisi chiede alle Asl di incrementare i posti letto Covid

Sono in aumento nel Vallo di Diano i casi di positività a virus. In merito alla situazione del reparto Covid dell’ospedale di Polla, seppur l’unità sia sempre quasi satura, per ora, non è previsto alcun aumento dei posti letto come si vociferava nelle ultime ore in ambienti ospedalieri.  Ma in ambito sanitario, a livello regionale,  la preoccupazione cresce, in virtù anche della contagiosità data dalle varianti, in particolare preoccupa quella inglese. È così l’Unità di Crisi della Regione Campania ha inviato una nota ai direttori generali di tutte le ASL campane nella quale dispone ulteriori indicazioni relative ai posti letto Covid. “La paventata preoccupazione, scrive l’Unità di Crisi, in merito alla tenuta della rete ospedaliera a seguito della crescente pressione dovuta alla domanda di ricovero  da parte di pazienti covid-19, si sta traducendo negli ultimi giorni in piena realtà rimasta all’unità di crisi.   Il monitoraggio regionale del tasso di occupazione dei posti letto ospedalieri Covid dedicati, che al superamento della soglia critica del 70% ha in passato fatto scattare fasi successive di incremento della dotazione, registra da almeno una settimana alla percentuale di occupazione del 100% in diverse strutture Ospedaliere e di percentuali tra l’80 e il 90% in molte altre. Per questo l’Unità di Crisi della Regione Campania sottolinea, nella nota la necessità che tutte le Aziende Sanitarie campane mettono in campo da subito ogni azione idonea per aumentare i posti letto Covid fino ad almeno 400 nuove unità per ogni azienda ospedaliera, per far fronte alla crescente domanda di ricovero, sia attraverso ulteriori accorpamenti di reparti, sia sospendendo e differendo i ricoveri programmati che non siano caratterizzati da l’urgenza e dalla indifferibilità”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    ….questa fantomatica unità di crisi ha provato a denunciare anche i colpevoli e delinquenziali ritardi nelle vaccinazioni, o anche loro sono in vacanza come gli assessori alla sanità regionali,provinciali e comunali, o come i direttori regionali alla de luca ed i sindaci alla de magistris ?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *