Alta Velocità Sa/Rc: politici del Vallo e del Cilento insieme scrivono al Ministro dei Trasporti

Alta Velocità Salerno/Reggio Calabria. Le notizie importanti sono due, o almeno che fanno bene sperare, su un progetto da molti definito “fondamentale” per la ripresa economica del territorio del Vallo di Diano, del Cilento e delle zone limitrofe. Ebbene la prima notizia importante è che quattro politici di schieramenti diversi, quattro consiglieri regionali della Campania (due del Vallo di Diano e due del Cilento), si sono uniti ed hanno sottoscritto in modo unitario un documento inviato al Ministro dei Trasporti. La seconda buona notizia è che questi quattro rappresentanti istituzionali hanno esposto al Ministro quali sono gli elementi fondamentali affinchè questo progetto possa essere attuato nel miglior modo sul territorio. Stiamo parlando del Presidente della Commissioni Aree Interne della Regione Campania, Michele Cammarano, (consigliere regionale 5 Stelle) il quale, a dire il vero, ha reso noto, con una nota stampa, la redazione del documento unitario. Insieme a lui hanno sottoscritto il documento i consiglieri regionali e componenti della stessa Commissione Attilio Pierro (Lega Nord), Tommaso Pellegrino ( Italia Viva) e Corrado Matera (Popolari-Fare Democratico). Due territori uniti per sottolineare l’importanza, dell’inserimento, “tra gli interventi strategici del PNRR, di un progetto di fattibilità per una linea ferroviaria Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria”. Questo, aggiunge Cammarano, “dimostra l’attenzione del Governo per il Sud del Paese, oltre che rappresentare un’importante prospettiva di sviluppo di territori da grandi potenzialità attrattive”. Sulla scorta delle indicazioni recepite, abbiamo per questo avviato una campagna di ascolto e di confronto con amministratori pubblici e comitati di cittadini delle aree interessate, con l’obiettivo di formulare ulteriori proposte tese ad arricchire un’opera strategica per l’intera Campania e il Mezzogiorno”. Così il presidente della Commissione regionale speciale Aree Interne Michele Cammarano, che con i tre consiglieri regionali, ha firmato una lettera indirizzata al ministro dei Trasporti nella quale si sottolinea “il carattere sovranazionale, in qualità di asse di collegamento tra il Nord e il Sud del Paese, di un’opera che potrà rappresentare una svolta anche per lo sviluppo di un’intera area”.

“Alla luce di tali premesse – si legge nella lettera – intendiamo sottoporre alcune proposte. Sulla base delle istanze che abbiamo raccolto in Commissione dai sindaci, dalle associazioni di categoria e dai referenti delle Aree Intere, riteniamo che lo scalo di Battipaglia dovrebbe assumere il ruolo di hub ferroviario strategico per l’intera infrastruttura, in ragione della vicinanza con l’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi, configurandosi come snodo centrale in virtù dell’interconnessione tra due linee ferroviarie, dell’importante snodo autostradale e della convergenza di due arterie storiche, le Statali 18 e 19. La tratta Tirrenica Battipaglia-Sapri deve essere valorizzata con investimenti tesi a velocizzarla e a metterla in sicurezza, garantendo un servizio di treni nazionali e sarebbe per questo opportuno che il Compartimento di Napoli di Rfi subentrasse nella gestione a quello di Reggio Calabria, superando un’anacronistica divisione. Con il passaggio della linea ferroviaria nel Vallo di Diano, sarebbe opportuno prevedere uno scalo tra i comuni di Atena Lucana e Padula, così da garantire una porta di accesso a un comprensorio da sempre sofferente in termini di servizi di mobilità. Andrebbe infine valutata l’opportunità di indirizzare la linea verso il Golfo di Policastro, così da garantire il collegamento con un territorio fondamentale per l’indotto turistico regionale, e verso cui nel corso delle ultime stagioni estive sono state già garantite alcune corse di treni Alta Velocità”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Rocco Panetta ha detto:

    Se il testo del comunicato sarà confermato significa che abbiamo 4 Consiglieri Regionali ” MARZIANI”, visto che IGNORANO l’esistenza della Linera Sicignano-Lagonegro, con il,tracciato PARALLELO, nel Vallo di Diano, a quello della nuova linea AV Battipaglia-Praja ed IGNORANO anche il testo del PNRR, alle pagina 165-166, in cui al punto 1.6 ed 1.7 si parla di: INTERCONNESSIONE delle LINEE ferroviarie REGIONALI con quelle dell’Alta Velocità al SUD e di: potenziamento, elettrificazione ed aumento resilienza linee ferroviarie del Sud, con stanziamento di 2.4 MILIARDI di euro. Speriamo che sia una “bufala2, ovvero una notizia non vera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *