“Giornata in Foresta”: la Cerreta sempre più protagonista in Campania. Liberati, dopo le cure, due rapaci

Più delle parole, l’immagine emozionante di due esemplari di rapaci reintrodotti nel loro habitat naturale coglie il senso della giornata in foresta organizzata nella Cerreta Cognole. La presenza dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Campania Nicola Caputo e del Presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino e dei dirigenti regionali Flora della Valle (UOD Ufficio Centrale Foreste e Caccia) e Giuseppe Gorga (Servizio Territoriale Provinciale di Salerno) è stata l’occasione per un incontro con qualificati rappresentanti delle diverse realtà, da quelle istituzionali a quelle scientifiche e della formazione, a cui l’Azienda si è aperta nel corso dell’ultimo decennio.

Nel percorso della visita aziendale sono state prescelte delle tappe rappresentative delle linee di azione in cui la Foresta della Cerreta, gestita dalla Regione, sta consapevolmente strutturando ed orientando il proprio impegno: non solo le attività ordinarie di tipo forestale e di gestione del Centro Regionale di Produzione di Fauna selvatica, ma collaborazioni di notevole valore scientifico che spaziano da progetti per la riproduzione e la reintroduzione di specie autoctone di alto pregio naturalistico a rischio di estinzione (lepre italica e capriolo italico) ad attività di sperimentazione per il controllo della fertilità dei cinghiali (progetto ipofertilità con IZSM di Portici). Con il proprio personale specializzato e gli ampi spazi dei recinti faunistici la FDR assicura un fondamentale supporto tecnico – logistico ad attività di prevenzione e repressione dei reati di illecita detenzione di fauna selvatica e ad azioni di polizia veterinaria per la risoluzione di gravi criticità per l’ordine e la sicurezza pubblica, quali ad esempio le problematiche degli animali vaganti.

Il cerchio si chiude da dove si è iniziati, perché i rapaci liberati in bosco dopo essere stati curati e riabilitati dalle ferite dei bracconieri, preannunciano la prossima inaugurazione nella Foresta del CRAS di Primo Livello FDR Cerreta Cognole, un centro (CRAS è un acronimo per Centro di Recupero Animali Selvatici) dotato di ambulatorio veterinario e strutture (voliere e tunnel di volo) per la riabilitazione, che andrà ad inserirsi nella rete dei CRAS di primo e secondo livello che sul territorio della Regione Campania assicurano, anche con il coinvolgimento del volontariato locale, il soccorso, la riabilitazione e la reintroduzione in natura di esemplari di fauna selvatica feriti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *