EGO International, il trend positivo dei prodotti campani all’estero

Tra le regioni del Mezzogiorno è la Campania ad aggiudicarsi il podio nelle vendite estere: la crescita dell’export si registra in modo particolare nella provincia di Napoli e i mercati più ricettivi sembrano essere oggi quelli francesi, tedeschi e americani.

Dati incoraggianti che confermano sempre di più il trend riscontrato nel corso dello scorso anno, quando l’analisi dei dati di Coldiretti già faceva emergere un notevole incremento delle esportazioni agroalimentari Made in Italy, con percentuali pari ad un +1,9%, il massimo storico di sempre.

La spinta all’innovazione e la tendenza alla valorizzazione del prodotto locale sono gli elementi che hanno consentito a molte aziende del territorio di aumentare la competitività all’estero.

I dati ufficiali ne sono una conferma e parlano chiaro, ma lo sono altrettanto le opinioni espresse al riguardo da importanti compagnie del settore, come EGOInternational (qui il sito web ufficiale), società specializzata nella consulenza di impresa e nell’internazionalizzazione.

L’azienda, attraverso le recensioni del suo team di export manager, ha espresso più volte opinioni positive sul Made Italy, visto come elemento chiave per il riscatto economico di piccole e medie realtà imprenditoriali locali.

EGOInternational approfondisce la tematica all’interno degli articoli del suo blog, dove le recensioni riportate confermano l’importanza strategica di un rapporto il più possibile trasparente con l’agroindustria e la necessità di saper cogliere le opportunità provenienti dai mercati stranieri, puntando sulle eccellenze del territorio e su investimenti di qualità.

Il valore economico raggiunto,di 46,1 miliardi, evidenzia il successo della dieta mediterranea, apprezzata in tutto il mondo: l’alimentare del Sud ha spiccato il volo all’estero con una crescita notevole, pari al 7,4%. Dopo il Molise, e la Basilicata è stata la Campania a far registrare le performances migliori, ponendosi in controtendenza rispetto all’andamento generale della maggior parte delle realtà territoriali del Nord e Centro Italia.

H2. Le nuove opportunità all’estero: Spagna, Giappone e Cina

 

Secondo le opinioni espresse da team di EGO International, è  particolarmente importante sapersi adeguare alle nuove tendenze e individuare i paesi più ricettivi: come espresso dalle recensioni riportate negli ultimi anni all’interno degli articoli del sito della compagnia, i mercati che si prospettano da tempo in grado di offrire maggiori opportunità di crescita alla Campania sono stati soprattutto Spagna, Corea del Sud, Giappone e Cina.

Oggi i dati danno ragione alle opinioni espresse dagli esperti e da EGO International, ancora una volta confermando le recensioni del suo team: sul trend positivo delle esportazioni campane sembrano incidere in modo particolare le vendite in Cina, che rappresentano il risultato di accordi sanciti tra i due paesi.

Già qualche anno fa EGO International esprimeva opinioni positive sulle vendite estere del comparto alimentare: i dati del 2009 confermano le recensioni dell’azienda, con una nuova impennata nel settore food.

La Campania si è impegnata nell’ultimo biennio a rafforzare la sua competitività sul mercato cinese, creando una piattaforma tecnologica che favorisse l’internazionalità delle imprese locali e dunque la promozione del Made in Italy. Le diverse iniziative hanno così avuto l’esito sperato e facilitato gli acquisti online, determinando una notevole crescita dell’export: il vero fiore all’occhiello resta il settore agroalimentare, seguito da quello chimico farmaceutico e dal comparto dei mezzi di trasporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *