“C’eravamo tanto amati…a Padula”: il “Bilancio” settimanale di Geppino D’Amico va in ferie con il botto!

L’appuntamento con il Bilancio settimanale del giornalista e storico Geppino D’Amico si appresta alla meritata pausa estiva, non prima però di aver svelato gli ultimi retroscena e le “grandi manovre” in corso a Padula in vista delle prossime elezioni amministrative. Protagonisti il sindaco Paolo Imparato e l’ex assessore Tiziana Bove Ferrigno… possibile un ritorno di fiamma?

TESTO DI GEPPINO D’AMICO

A PADULA L’IDILIO TRA PAOLO E TIZIANA

A POLLA TORNANO I RAGAZZI DEL ‘73

La canzone di cui abbiamo ascoltato l’incipit si intitola “Come pioveva” ed è stata scritta nel 1918, anno in cui terminava la prima guerra mondiale. Per la rinascita di un amore galeotto fu il portone. Era una canzone d’amore ma noi l’abbiamo scelta perché si attaglia particolarmente alle vicende politiche di Padula dove a poco più di un mese dalle elezioni amministrative potrebbe rinascere l’idillio politico tra il sindaco Paolo Imparato e l’ex assessora Tiziana Bove Ferrigno.  Se così sarà, potremo dire “galeotto fu il portone”.  Vediamo il perché.

Tre giorni fa, alla vigilia di quella che potrebbe essere stata l’ultima seduta consiliare, convocata per approvare alcune delibere in favore dei cittadini, prima fra tutte quella relativa al blocco della tari, il sindaco Paolo Imparato alle 18,45 precise (quindi in pieno giorno) ha bussato al portone di casa Bove Ferrigno, in piazza Umberto I, dove ha avuto un lungo colloquio (circa tre ore) con Tiziana Bove Ferrigno, assessore alla Cultura della sua prima giunta che, però, cinque anni fa si era candidata con Caterina Di Bianco contro lo stesso Imparato. Diretto e poco incline alla diplomazia, il discorso del sindaco all’ex assessora sarebbe stato più o meno questo: “Sto costruendo un nuovo gruppo all’interno del quale sarà scelto il candidato sindaco. Scurdammece o’ passato: vuoi farne parte?”. Non conosciamo la risposta ufficiale della Bove Ferrigno ma pare che l’invito non l’avrebbe lasciata indifferente per cui avrebbe preso tempo per rifletterci. La domanda nasce spontanea: accetterà di far parte di un gruppo come semplice consigliera o al massimo come assessora? Su questo non ci scommetteremmo un solo centesimo di euro. E se invece dovesse chiedere di guidare la lista come candidata a sindaco, cosa risponderebbe Paolo? Tornerà il sereno nella storia politica tra Paolo e Tiziana? Lo sapremo fra qualche settimana. La politica non è statica; è dinamica e obbedisce al detto “mai dire mai”. In particolare a Padula dove è sempre stata dinamica non solo nella lotta tra i vari partiti ma anche negli stessi partiti all’interno dei quali la lotta è sempre stata particolarmente dura.

***

Proseguiamo con una notizia che è un misto di goliardia e amarcord. L’idea è di Angelo Pagano, forte della sua grande passione per il calcio che ha coltivato attivamente negli anni ’70 militando nella Pollese prima di appendere le scarpe al chiodo e iniziare un’apprezzata professione di Commercialista. Utilizzando WatsApp ed altri social Angelo ha ritrovato tutti i ragazzi di quella squadra invitandoli ad una rimpatriata all’insegna dell’amarcord programmata per domenica 1 agosto. Hanno risposto con entusiasmo quasi tutti, dalla Lombardia alla Sicilia. Lo dico sottovoce: tra “i ragazzi del ’73” c’ero anch’io con molti chili in meno e tanti capelli in più. Il programma prevede un primo appuntamento allo Stadio Comunale “Antonio Medici” di Polla per incontrare il sindaco Massimo Loviso e l’assessore allo sport Federica Mignoli. Quindi, sarà reso onore a coloro i quali non ci sono più, dirigenti e calciatori prematuramente scomparsi per poi concludersi con un pranzo in un noto locale del Vallo di Diano.

***

L’incontro odierno è l’ultimo prima della pausa estiva anche se nel mese di agosto con Antonio Sica (prezioso compagno di viaggio) e con il grafico Maurizio Felicino saremo impegnati per ultimare il progetto editoriale di cui lo stesso Sica ha dato notizia qualche settimana fa: consiste nella pubblicazione in un volume dei testi degli interventi settimanali proposti nel TG di Italia 2 dall’aprile del 2020 ad oggi. L’idea è scaturita dalla “istigazione” di alcuni amici, tra i quali va ricordato Giuseppe Blasi, già direttore del TG3 Campania, Maestro di giornalismo e non solo, il quale ha scritto anche la presentazione. Di questo gli siamo particolarmente grati. Prima dei saluti mi sia consentito rivolgere un grazie di cuore alla Redazione di Italia 2, al Direttore-Editore, Nicola Ammaccapane, ed ai telespettatori che ci hanno seguito in Tv o attraverso i social per un anno e mezzo, spesso facendoci pervenire a voce oppure attraverso Facebook, WhatsApp e Messenger commenti ed opinioni sugli avvenimenti proposti, spesso con ironia, a volte con un pizzico di sarcasmo. Buone vacanze a tutti.

GEPPINO D’AMICO

 

 

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …. l’informazione non dovrebbe subire stop o ritardi per andare a fare il bagnetto al mare., ma questi sono i tempi ed evidentemente non è ritenuta un servizio essenziale . Per quanto riguarda la telenovela padulese e non solo devo rimarcare che purtroppo i volti sono sempre gli stessi ed i problemi amche. Speriamo nei giovani consiglieri regionali che però vedo un po’ troppo spesso sotto i riflettori e non sempre per problemi seri come il lavoro e il rilancio della “riserva indiana vallo” Si soffre che soffre sempre di più nel vallo finito nella mani del trombone alla regione che l’ha praticamente cancellata dalla sua agenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *