Il ministro Speranza conferma: “Stop alle mascherine all’aperto dall’11 febbraio”

Covid, nuova ordinanza del ministro Speranza: confermato stop alle mascherine all’aperto dall’11 febbraio, salvo assembramenti

Dall’11 febbraio al 31 marzo la mascherina continua ad essere obbligatoria nei luoghi chiusi che non siano la propria abitazione. All’aperto sarà obbligatoria invece solo in caso di assembramenti A partire dall’11 febbraio – si legge nel testo – non saranno ufficialmente obbligati a portare le mascherine a protezione delle vie respiratorie i bambini di età inferiore ai 6 anni, le persone con patologie o disabilità che non consentono l’uso della mascherina e quelle che devono comunicare con un disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo. La mascherina non sarà obbligatoria nemmeno quando si svolge un’attività sportiva.

Rimangono validi i precedenti protocolli anti-contagio per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali e le linee guida per il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico. Si ribadisce inoltre che l’uso della mascherine non sostituisce le altre misure previste per il contenimento del contagio.

De Luca, governatore della Regione Campania, però ha optato per l’obbligo di mascherine fino a fine mese.

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    ….rivolgo da queste pagine una domanda al ministro speranza, che tra l’altro stimo: ” è compatibile una tale decisione con la situazione contagi del paese nel quale ci sono ancora 100.000 contagi giornalieri? Come si fa a convincere la gente al rispetto delle regole e delle norme di sicurezza che già sono molto disattese togliendo il divieto della mascherina all’aperto ?”. In campania, la mia regione siamo al terzo posto , dietro lombardia e lazio, in graduatoria nella gara che il trombone alla regione sta conducendo per far infettare i suoi concittadini?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *