“Basta alternanza scuola-lavoro. I nostri diritti prima dei vostri profitti”: studenti in piazza a Salerno

Questa mattina il Collettivo Studentesco Cavese e il Collettivo Autorganizzato “Gaetano Filangieri” sono scesi in piazza a Salerno tornando a urlare in piazza la propria rabbia dopo due anni di pandemia in cui si è provato in tutti i modi a tenere lontani gli studenti dai banchi di scuola e dalle mobilitazioni per i propri diritti.

Centinaia di studenti hanno attraversato il Corso Vittorio Emanuele di Salerno, in protesta “contro un’alternanza scuola lavoro, si legge nella nota stampa diffusa dagli organizzatori della manifestazione,  che da anni denunciamo essere pensata per allontanarci troppo presto dai banchi di scuola, per sfruttare studenti gratis e abituarci a un lavoro povero, sottopagato, privo di tutele. Le morti di Lorenzo e Giuseppe, i due giovani deceduti durante l’alternanza scuola-lavoro e lo stage sono l’emblema di una condizione che non siamo più disposti ad accettare.

L’alternanza scuola-lavoro utilizza giovani studentesse e studenti come forza lavoro gratuita, a discapito di qualsiasi norma di sicurezza. Questa non è la nostra idea di scuola. In particolare in un momento di emergenza come questo, la scuola deve essere strumento di crescita sociale e culturale, e non occasione di sfruttamento. In un Paese dove nel 2021 ci sono stati 1400 morti sul lavoro, lo Stato dovrebbe investire in sicurezza e non nella creazione di ulteriore precarietà.
Non ci bastano le finte lacrime e l’indignazione da parte dei responsabili, vogliamo l’immediata abolizione dell’alternanza scuola-lavoro e  investimenti concreti sull’istruzione e l’edilizia scolastica.”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *