Crisi nelle file della minoranza al comune di Sapri, si dimettono Pamela Marino e Lucia Pepice

Crisi amministrativa all’interno del comune di Sapri. A poco meno di tre settimane dal voto che ha riconfermato l’amministrazione uscente di Antonio Gentile, con uno scarto di voti notevole, Pamela Marino e Lucia Pepice hanno presentato le lettere di dimissioni dal loro incarico di consiglieri comunali di minoranza quali esponenti del gruppo politico “SiAmo Sapri”. Al loro posto, salvo ulteriori cambiamenti, subentreranno Anna Marmo e Nicodemo Giudice, rispettivamente quarto e quinto preferito. Nella lettera di dimissioni depositata da Pamela Marino si legge: “Oggi motivi politici non mi consentono di esercitare l’importante funzione come vorrei e come la città merita. Alla luce del risultato elettorale nettamente al di sotto di ogni auspicabile aspettativa e della indubbia volontà della città di Sapri di confermare l’amministrazione Gentile, ritengo necessario avviare, da un punto di vista personale e con grande senso di responsabilità, una complessiva riflessione sulla futura azione politica della nostra vittà”. Lucia Pepice, invece, esprime la necessità di lasciare spazio ai giovani, nel rispetto della ottica di condurre la vita politica: “Le motivazioni che mi hanno spinta a prendere questa decisione sono dettate dalla forte convinzione che è più che mai necessario offrire e richiedere, alle giovani generazioni, un’assunzione di responsabilità nell’impegno politico e sociale. “Lascio per fare spazio ai giovani”. Voglio essere coerente fino in fondo col progetto che inizialmente sembrava condiviso – scrive ancora la Pepice -“il futuro del paese nello spirito del rinnovamento, nell’energia positiva di progetti ed entusiasmi, che solo nei giovani può trovare nuova vitalità. Per questo motivo ritengo corretto e doveroso formalizzare le mie dimissioni, senza rimpianti, con la certezza che questi giovani sapranno porre solide basi per un futuro fatto di concretezze e non solo di speranze”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *