Caro-bolletta, il Comitato degli Artigiani e Commercianti scende in piazza a Salerno

Un corteo funebre contro il caro bolletta. Questa la protesta degli artigiani e dei commercianti di Salerno che, nella giornata di ieri, si sono dati appuntamento nel piazzale antistante lo Stadio Arechi e, da lì, hanno raggiunto Piazza Amendola. Si sono recati in Prefettura conducendo con sè una corona funebre con sopra appese le ultime bolletta a rappresentare il forte grido di disperazione che promana da tutti i lavoratori, a causa dei forti rincari in bolletta e del conseguente aumento del costo della materia prima che stanno mettendo a dura la prova la capacità di sopravvivenza dei piccoli e medi imprenditori. Sono stati chiesti a gran voce interventi immediati di riparazione e ricostruzione della condizione economica delle aziende salernitane, ormai sull’orlo del precipizio in una situazione al collasso che sta portando i lavoratori a rivedere le proprie capacità lavorative. Una criticità che, di riflesso, si ripercuote anche sui consumatori che, inevitabilmente, subiscono le conseguenze degli aggravi, con l’evidente rischio di giungere ad un reale blocco dello sviluppo economico. “Non possiamo più accettare bonus, è arrivato il momento di mettere in campo interventi effettivi e concreti che vanno a risolvere un problema che rischia di portare con sè conseguenze davvero tragiche” – fanno sapere dal Comitato degli Artigiano e dei Commercianti. Alla manifestazione hanno partecipato anche diversi imprenditori del Vallo di Diano.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …..gi artigiani , i commercianti popolo in gran parte di evasori ma beneficiati dal trombone campano e da tutti i governi degli ultimi 5o anni almeno. E cosa dovrebbero dire i pensionati, i poveracci, gli operai e coloro che sopravvivono con un reddito fisso misero e non arrivano a fine mese ??Questa è la politica e l’onestà che non esiste e che collusa con i poteri forti e la malavita gozzoviglia tra bonus, furti, corruzione sulle spalle del popolo vero che patisce ed arranca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *