Inizio record per il punto nascita di Polla: 19 bebè in 12 giorni ma il reparto resta a rischio

Sono 19 i nati dall’inizio dell’anno nel Punto nascita di Polla. Un inizio record per il reparto di Ginecologia e Ostestria dell’ospedale “Luigi Curto”. Nella giornata di ieri si è registrato anche un doppio parto in contemporanea. Insomma di fronte alla spada di Damocle della chiusura, l’unica possibilità – al di là della politica che dovrà, si spera, fare il proprio corso – è quello di far vedere che il Punto nascita lavora e con un trend in aumento. Il tetto del numero minimo di nati è difficile da raggiungere ma la crescita è costante nonostante lo spopolamento del territorio. Le pressioni per la chiusura sono stante, il presidente della Regione Campania, Vincenzo de Luca, non ha dato molte speranze per il futuro e il sindaco di Polla, Massimo Loviso, ha chiesto un summit tra gli amministratori per fare il punto sulla situazione. Nel frattempo, da quanto ci risulta, le pressioni arrivano anche sull’equipe medica per eventuali trasferimenti o richieste. Allo stesso tempo chi lavora, ora, nel reparto ha riferito di voler restare al Punto Nascita di Polla. Come se fosse una trincea e invece è “solo” un servizio sanitario importante per un territorio così vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *