Maltempo e agricoltura, Coldiretti Salerno traccia un primo bilancio

Sono cento i mm di pioggia caduti in soli cinque giorni nella Piana del Sele, quasi 150 mm nel Vallo di Diano e nell’Agro Sarnese nocerino. É questo il bilancio di un maltempo che ha flagellato la Campania e che, almeno nelle aree costiere, mantienw alta l’allerta meteo.

Intanto si fanno i bilanci delle conseguenze che ne sono derivate all’agricoltura, con il punto della situazione fatto da Coldiretti Salerno.

Nonostante l’eccezionale intensità dei fenomeni precipitosi, infatti, pare che il territorio abbia retto grazie, secondo Coldiretti Salerno, soprattutto all’intenso lavoro dei Consorzi di Bonifica, Destra, Sinistra Sele e Vallo di Diano.I

“I Consorzi di Bonifica hanno un ruolo sempre più strategico per le attività a tutela del territorio e a salvaguardia dal rischio idraulico – sottolinea il direttore di Coldiretti Salerno Enzo Tropiano – l’azione di monitoraggio e prevenzione è stata efficace, per mitigare gli effetti delle precipitazioni straordinarie che hanno messo in crisi il reticolo di scolo dei comprensori di bonifica. Pur nella complessità delle situazioni evidenzio con soddisfazione che i Consorzi sono stati in questi giorni all’altezza della difficile situazione e hanno fatto il massimo per prevenire i danni”.

Nonostante ciò, non sono mancati i danni. Il Vallo di Diano è in piu punti sommerso dall’acqua, con danni alle colture a cereali. Per quanto riguarda la Piana del Sele, in alcuni tratti il Sele ha rotto gli argini lasciando sott’acqua intere piantagioni di kiwi, serre allagate, ortive di pieno campo e allevamenti di bufale. Colpito anche l’agro sarnese nocerino per l’abbattimento di alcune serre e l’allagamento di colture a pieno campo frutticole ed orticole.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *