Approvato il regolamento per l’uso della palestra della scuola media di Polla

Dopo una lunga genesi e gestazione è stato ufficializzato il regolamento per l’uso della palestra della scuola “Edmondo de Amicis” a Polla. In questo modo, finalmente, ci sarà una struttura sportiva per gli sport indoor a Polla. Il sindaco di Polla, Massimo Loviso, e il consigliere comunane del delega allo sport, Giovanni Corleto e l’intera amministrazione hanno previsto una serie di punti fermi per poter concedere l’uso della palestra. Un lavoro svolto insieme alla Scuola. Nelle richieste si dovranno far sapere tra le altre cose, i giorni e le ore richieste, l’attività sportiva che s’intende esercitare, la programmazione delle attività sportive con specificazione: dei corsi che si intendono realizzare, della frequenza d’uso della struttura per ogni corso.

L’Autorizzazione all’utilizzo della palestra scolastica sarà assoggettato all’applicazione della tariffa per l’utilizzo di  5,00 ad ora come stabilito. L’Associazione Sportiva è vincolata al pagamento della tariffa fino alla scadenza dell’autorizzazione. Il pagamento ha cadenza mensile anticipata, mediante bonifico su apposito conto corrente
intestato al Comune di Polla. Il corrispettivo dovuto è determinato sulla base del calendario delle ore assegnate.
È previsto il pagamento di una cauzione di mille euro o una fidejussione. La cauzione sarà restituita qualora la società e l’associazione sportiva non rinnovasse più la richiesta di utilizzo per la stagione successiva. “Qualora fossero riscontrati danni al patrimonio – si legge nel documento -, la cauzione sarà trattenuta nella misura dovuta ed in tal caso la società sportiva è tenuta al suo reintegro anche in corso d’anno. Eventuali danni causati alle strutture ed attrezzature dalla presenza di fruitori in orario extrascolastico saranno addebitati all’assegnatario, ritenuto diretto responsabile e garante del corretto uso degli impianti”

Non solo. In caso di mancata individuazione degli autori del danno, l’onere derivante sarà suddiviso fra tutte le Società ed Associazioni utilizzatrici dell’impianto nel giorno in cui il danno è stato compiuto.

Una risposta

  1. Erminio Ottone ha detto:

    Meglio tardi che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *