Criticità all’ospedale di Polla tra guardie interinali e diatribe tra medici e infermieri. L’Asl vuole vederci chiaro e chiede una relazione a Vastola

Il Direttore sanitario dell’ ASL Salerno, Primo Sergianni, vuole vederci chiaro in merito alle note sindacali, prima della Cisl FP e poi del Nursind,   fatte pervenire all’Asl Salerno e nelle quali si denunciano le criticità legate all’ assistenza ai pazienti ricoverati nei reparti chirurgici sprovvisti di guardia attiva o reperibile oltre alla diatriba tra i medici di chirurgia che hanno “ammonito” gli infermieri di ortopedia.  Nelle note, come scrive Sergianni, vengono segnalate “disfunzionalità organizzative all’interno delle UU.00. del Presidio ed anomalie di comportamento nelle interazioni tra personale medico ed infermieristico con possibile conseguente inefficienza a danno dell’assistenza ai pazienti”. Per questo il dirigente dell’Asl chiede formalmente, “con l’urgenza del caso”, al direttore sanitario dell’ospedale di Polla relazione in merito a quanto segnalato e anche indicare i provvedimenti di competenza che ha inteso adottare.

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …..si potrebbe con un p’ di impegno della politica locale assente e sollecitando la sostituzione di macchinari obsoleti e guasti fare come da altre parti più avvedute avviene : fare dei contratti con equipe specializzate che periodicamente , su appuntamenti regolari e rispettosi di precedenze e regole , operano e compiono interventi base per migliorare la salute e la vita della povera utenza valdianese. Ma forse è chiedere troppo ai de luca e simili che sono certamente più attenti a quella parte medico-baronale che ingrassa sui malanni della povera gente e che gratifica il potere. Chiedete a costoro se sono stati mai curati negli ospedali di periferia e delle zone interne invece che andare nelle cliniche dei loro amici della borghesia politico mafiosa e curati gratuitamente dove la gente normale non può accedere visti i costi esosi e da rapina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *