Fondazione Vassallo: “Il coro dei bambini “Mille voci” della scuola “Angelo Vassallo” protagonista della canzone dedicata al Sindaco Pescatore

Il coro dei bambini “Mille voci” della scuola intitolata al Sindaco Pescatore sarà protagonista della canzone dedicata ad Angelo Vassallo dall’artista Giancarlo Di Muoio.

Dario Vassallo Presidente della Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore: “Sarà bello ascoltare dalla voce dei bambini la vicenda umana e politica di Angelo Vassallo. Siamo orgogliosi che una scuola di Lecce sia intitolata ad Angelo. Sempre più giovani contro il muro omertoso del silenzio”

 “Ho scritto il Sindaco Pescatore subito dopo la morte di Angelo Vassallo. Da cilentano ho sentito forte l’esigenza di raccontare questa tremenda storia – a dirlo è l’artista e autore del brano, Giancarlo Di Muoio – Ed ogni volta che la canto è sempre un’emozione nuova. Questo nuovo progetto è speciale per la partecipazione del coro Mille Voci diretto dalla Maestra Daniela Gennaio. La musica è un linguaggio universale e ha un potere straordinario. Ha la capacità di veicolare valori e ideali che abbracciano un’intera comunità. Come i valori e gli ideali che ci ha lasciato in eredità Angelo Vassallo. È nostro compito cercare di portarli avanti e di trasmetterli alle generazioni future”.

“L’etichetta – dichiara la casa discografica Snapbeat Production –  è sempre attenta ai temi quali legalità e ambiente. In particolar modo, abbiamo sentito l’esigenza di raccontare attraverso la canzone di Giancarlo Di Muoio, la storia di Angelo Vassallo.”

Il progetto condiviso con l’Istituto Comprensivo “Angelo Vassallo di Racale” in provincia di Lecce, è nato dalla collaborazione con la maestra Daniela Gennaio, direttrice del coro Millevoci, che da anni collaborano con istituzioni pubbliche per sensibilizzare e formare soprattutto le generazioni future.

“L’idea di intitolare il nostro Istituto Comprensivo al Sindaco Pescatore “Angelo Vassallo” nasce dall’esigenza di individuare una figura simbolo di ” legalità e cura dell’ambiente”, argomenti su cui da tempo, docenti e alunni lavorano per sensibilizzare l’intera comunità. Il lavoro quotidiano di sindaco, l’impegno al servizio della comunità e del territorio, la sua strenua difesa della legalità contro le infiltrazioni camorristiche, la sua passione per la bellezza e l’unicità dell’ambiente sono un esempio da seguire per tutte le giovani generazioni.

L’idea di registrare il brano “Il sindaco pescatore” di Giancarlo Di Muoio con l’intervento del coro di bambini “Mille voci” diretto dall’ insegnante Daniela Gennaio presso la sede dell’Istituto Comprensivo, in pieno clima natalizio, è stata accolta con molto entusiasmo da tutti, dalla dirigenza, ma anche dalle famiglie, tutti convinti che sarebbe stata un’esperienza di forte crescita per gli alunni.

“Si ringraziano Giancarlo Di Muoio ed Antonio Sessa per la grande disponibilità, la cura e la gentilezza dimostrate” – afferma la Dirigente scolastica Dott.ssa Stefania Manzo dell’Istituto comprensivo di Racele “Angelo Vassallo”.

“Lo scorso anno – commenta Dario Vassallo, presidente della Fondazione Vassallo – abbiamo partecipato a Battipaglia a uno dei tanti incontri organizzati nell’ambito della Scuola per raccontare la vicenda umana e politica di Angelo Vassallo. Abbiamo conosciuto tanti giovani che, contro ogni muro di silenzio omertoso, si sono impegnati a custodire e diffondere la storia di Angelo come esempio per un futuro migliore e per un cambiamento che parte da gesti semplici ma rivoluzionari, come l’educazione alla bellezza e la cultura della legalità. Come Fondazione Vassallo siamo orgogliosi – conclude Vassallo – che l’Istituto Comprensivo Racale “ANGELO VASSALLO” dedicato a nostro fratello Angelo abbia deciso di registrare il brano “Il sindaco pescatore” di Giancarlo Di Muoio con l’intervento del coro di bambini “Mille voci” e siamo convinti che tutto resterà soprattutto una grande esperienza di vita, di crescita comune e di condivisione”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    …..ecco un valido esempio di come si educano le nuove generazioni al rispetto della legalità e delle leggi. Bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *