Il Marina di Camerota conquista il campionato di seconda Categoria

La Polisportiva Marina vince contro il Sassano, l’unica squadra che per una grossa fetta di campionato è riuscita a tenere il passo della capolista, e si prende la vittoria matematica del campionato di seconda categoria che unisce il Cilento e il Vallo di Diano. Tre a zero grazie alla doppietta del solito Mattia Serva e del bomber Antonio Recchiuti.

Una cavalcata impressionante degli uomini guidati da mister Luigi Infantini: ventitré vittorie, un solo pareggio e zero sconfitte.Per lei miglior attacco con 83 gol fatti e miglior difesa con solo 16 gol subiti. Una corazzata che ha dominato il campionato di seconda categoria Campania, girone H, fin dal prima giornata. Nessun’altra squadra negli otto gironi di seconda categoria dell’intera regione, ha collezionato così tanti punti. La vittoria degli arancioneri passa attraverso a diversi fattori. Il primo, indissolubile, lo spogliatoio: solido, come uno scudo, fortino invalicabile. Dal primo giorno ogni singolo ha messo al primo posto gli interessi del gruppo e della squadra.  Il secondo, l’esperienza mista alla passione: quattro volte a settimana sul campo, con il caldo di settembre, con la pioggia gelida di febbraio. I «senatori» al fianco dei ragazzi, loro i primi a sacrificarsi per la causa, per raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione. Il terzo, l’allenatore: Infantini, condottiero esperto, ha saputo tenere gli equilibri. Il quarto, la società e tutte le persone che hanno sostenuto il progetto. È raro trovare gente che si approccia in modo così professionistico ad un campionato dilettantistico. Ai calciatori non è mancato mai nulla ed è una fortuna far parte di una compagine così attrezzata e organizzata.  Giunti alla venticinquesima giornata nessuno è riuscito a battere la Polisportiva Marina. Solo un piccolo neo: per una squadra del genere c’è bisognod di un campo di calcio che si adatto e quindi un restyling della struttura e del terreno di gioco ancora in sabbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *