Latitante arrestato nel Salernitano: in manette anche due fiancheggiatori

La Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza, a breve distanza dall’arresto del latitante di Pagani Daniele Confessore, sempre  nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato a Cava de’ Tirreni anche i fiancheggiatori dell’ex latitante dallo scorso dicembre. Sono accusati di favoreggiamento aggravato dalla finalità di agevolare un’organizzazione mafiosa. Si tratta di un 33enne e di un 56enne, indagati per favoreggiamento aggravato dalla finalità di agevolare un’organizzazione mafiosa. In particolare, ai due arrestati viene contestato di aver favorito, fornendogli ospitalità in un immobile di cui avevano la disponibilità, la latitanza di Daniele Confessore considerato uno degli esponenti di spicco del clan Fezza De Vivo di Pagani, colpito lo scorso mese di dicembre da un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dalla Dda di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *