Giuseppe Coccorullo presidente del Parco. Arriva il sì delle commissioni Ambiente. Polemiche sulla nomina

Le commissioni Ambiente di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole per la nomina alla presidenza del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni di Giuseppe Coccorullo, dirigente di Fratelli d’Italia. Il voto contrario è arrivato dal Partito Democratico e dal centrosinistra, benché Coccorullo fosse stato indicato anche dallo stesso governatore De Luca. Giuseppe Coccorullo, già amministratore del comune di Perdifumo, era stato inserito nella triade di nomi proposta dal Ministero dell’Ambiente alla regione Campania, insieme a Marcello Feola e all’ex sindaco di Castellabate Luisa Maiuri. Il presidente Vincenzo De Luca tra i tre aveva condiviso proprio la figura di Coccorullo. Quest’ultimo, completate le formalità burocratiche, entrerà in carica andando a sostituire il commissario straordinario Feola, che ha guidato l’Ente per circa un mese dopo una querelle con il Tar per ricorsi presentati dalla Regione. .

Angelo Bonelli di Alleanza Verdi e Sinistra ha attaccato questa nomina postando il curriculum del nuovo presidente ritenuto insufficiente. “Il ministro dell’ambiente ha proposto alla commissione ambiente Camera, che ha approvato a maggioranza, la nomina a presidente parco del Cilento di Giuseppe Coccorullo. Competenze? Aver fatto il cameriere ed essere dirigente locale FDI La meritocrazia per la Meloni”.

Il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, ha commentato la nomina con ironia verso il PD e il Governatore della Campania De Luca, che appunto aveva indicato Coccorullo tra i tre candidati per la presidenza del Parco. Iannone ha scritto sui social: “O ha sbagliato De Luca a scegliere Coccorullo o ha sbagliato il PD a votare contro la nomina di Coccorullo. Fine delle comiche”.

 

 

Una risposta

  1. francesco auleta ha detto:

    Come al solito, il senatore Iannone svicola e parla del P.D. e di De Luca!
    PARLI INVECE, E SE PUO’, DELLE COMPETENZE E DEI MERITI DEL SIG. COCCORULLO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *