Chiuso dal 2015: il carcere di Sala Consilina cade a pezzi tra muffa, degrado e abbandono

Muri danneggiati, erbaccia ovunque, infiltrazioni, calcinacci ovunque. Immondizia e muffa. Da alcune foto – in nostro possesso – si evince questo sulla situazione della casa circondariale di Sala Consilina. Dagli scatti si nota come l’ex carcere del Vallo di Diano sia completamente abbandonato a se stesso. La struttura – si ricorderà – è stata chiusa come conseguenza dalla chiusura del Tribunale di Sala Consilina annesso a Lagonegro. Era il 2015 e i circa trenta detenuti ancora ospiti della struttura circondariale di Sala Consilina furono trasferiti in poche ore in seguito alla decisione del Ministero della Giustizia di chiudere, secondo il loro parere, in modo definitivo, il carcere valdianese. A distanza di otto anni da quella decisione con la struttura che si trova in un limbo in quanto “lasciata” dal Ministero al Demanio e non ancora consegnata al Comune di Sala Consilina, il degrado e l’abbandono la fanno da padrona.
Nel 2015 gli agenti di polizia penitenziaria rimasero per alcuni mesi all’interno della struttura oramai vuota e coprirono i vari turni fino al loro trasferimento finale. Da allora l’edificio di via Gioberti, è chiuso. Ed è ridotto come dimostrano le foto in esclusiva.

Una risposta

  1. fusco antonio ha detto:

    ….solita musica tra inettitudine della politica e disinteresse, chissà perchè?, di chi dovrebbe recuperare questa antica struttura, già vescovado i secoli addietro, e renderla fruibile alla cittadinanza con iniziative di spettacolo, sociali e collocazione di uffici pubblici senza pagare clientelarì ed onerosi fitti agli amici degli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *