Undicenne morto ustionato a Scafati. Indagati per omicidio colposo i genitori e lo zio

Per quanto riguarda la morte dell’undicenne di Scafati, morto per le gravi ustioni provocate da un ritorno di fiamma dell’alcol con cui aveva cercato di alimentare il fuoco del camino: la Procura di Nocera Inferiore iscrive nel registro degli indagati la madre, il padre e lo zio della vittima. Si tratta di un atto dovuto in vista dell’autopsia. L’accusa per i genitori, difesi dall’avvocato Luciano Romano, e per lo zio, difeso dall’avvocato Luciano Pandolfi, è di omicidio colposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *