Ritrovate ossa umane in un ex convento nel salernitano

Due guardie ambientali della vigilanza zoofila hanno ritrovato delle ossa umane nel cantiere del complesso monumentale di San Giovanni in Parco a Nocera Inferiore. 

La macabra scoperta è avvenuta a seguito di una segnalazione di alcuni residenti per una cagnolina gravida in difficoltà. Le due guardie volontarie dell’associazione Kronos di Salerno, recatesi sul posto hanno rinvenuto diverse ossa frantumate in una busta di plastica. Poco distante, in una cassetta in metallo, altre ossa ben conservate, oltre a un teschio e una croce in legno. Accanto, appoggiata al muro, una grande cornice composta da fiori secchi.

La struttura comunale, risalente all’anno mille, è un vecchio cantiere di riqualificazione. L’ultimo intervento risale al 2015, poi una lunga interruzione fino al 2022, con la ripresa del restauro completo dell’area grazie ai fondi del Pnrr.

I dubbi sono tanti e solo le analisi al carbonio 14 permetteranno di avere una datazione certa dei reperti e quindi capire perchè si trovano li o come mai nessuno le ha notate prima, nonostante i lavori. Anche se si esclude la possibilità che siano resti di persone scomparse recentemente, la polizia municipale recatasi sul posto e guidata dal  comandante Fulvio Testaverde, ha messo in sicurezza l’area che, resterà monitorata per evitare eventuali accessi abusivi.

Joyce Donnarumma

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *