Rissa a Positano. Divieto di ritorno per i cinque responsabili

Un commentano fuori posto, uno sguardo non gradito e subito una serata si trasforma in rissa.

È quanto accaduto nella scorsa notte tra martedì 25 e mercoledì 26, dove cinque persone sono finite agli arresti.

Una serata tranquilla, dove la quiete è stata disturbata da cinque giovani tra i 20 e i 36 anni, i quali per motivi ancora da chiarire, hanno cominciato a prendersi a pugni, calci e ad aggredirsi anche con sedie, tavoli e altri elementi di arredo presenti all’esterno di un bar.

Sul posto, sono immediatamente giunti i carabinieri della locale stazione che con l’aiuto dell’Aliquota Radiomobile hanno condotto i cinque protagonisti in caserma ad Amalfi, dove sono rimasti tutta  per interrogarli su quanto avvenuto per poi essere trasferiti nelle proprie abitazioni dove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

I provvedimenti.

Il Questore di Salerno, nell’ambito dell’azione di contrasto ai reati che destano particolare allarme nell’opinione pubblica, ha adottato nei loro confronti il provvedimento di Divieto di Ritorno nel Comune di Positano per la durata di 2 anni per tre indagati e per la durata di 3 anni nei confronti degli altri due i quali, con precedenti, sono stati destinatari anche del provvedimento di Avviso Orale.    

Si tratta di tre fratelli di Ottaviano, in provincia di Napoli e due di Pagani, della provincia di Salerno, uno dei quali già noto alle forze dell’ordine.

I militari stanno indagando per capire cosa abbia scatenato la rissa.

Ad essere indagato anche una sesta persona, un 16enne, che risulta essere in stato di libertà, la cui posizione è però al vaglio degli inquirenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *