Truffa e contraffazione: nei guai un commercialista di Nocera

Questa mattina è stata emanata un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal G.I.P.  presso il Tribunale di Salerno, nei confronti di un commercialista nocerino, per truffa e contraffazione, commesse dall’uomo su atti di fede privilegiata e per interesse privato, in quanto curatore negli atti di fallimento. Grazie alle indagini della guardia di finanza si sono accertati gli atti illeciti del curatore fallimentare, che approfittando della sua posizione, in assenza di autorizzazione del comitato dei creditori e del Giudice Delegato, ha avviato un’operazione di investimento dell’importo di 3 milioni di euro, vincolando liquidità dell’attivo fallimentare, distraendo gli interessi generati dall’operazione speculativa, pari ad oltre 13 mila euro, trasferendone l’importo su un conto corrente personale presso un istituto bancario estero. Inoltre, è stato accertato che queste operazioni illecite sono state realizzate anche attraverso il confezionamento di un falso mandato di pagamento in favore del professionista, recante un fittizio logo della Repubblica e la contraffazione della attestazione grafica della firma digitale del Giudice Delegato. Al fine di occultare tali operazioni illecite, l’indagato ha omesso di procedere alle prescritte registrazioni nella contabilità della fallita, addebitando sui conti di quest’ultima i costi sostenuti per la realizzazione della contestata operazione speculativa. Sulla base dei dati e prove raccolte è stata eseguita un’ordinanza che vieta all’indagato di esercitare la professione di commercialista, di revisore dei conti, di amministratore di società di persone e di capitale, di sindaco di società per la durata di dodici mesi, nonché il sequestro preventivo della somma di circa 18 mila euro.

Carmen De Fina

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *