Rubano in un supermercato di Salerno: dopo un inseguimento la Polizia arresta due uomini

Avevano poco prima messo in atto, con brutale violenza, una rapina presso un esercizio commerciale di Salerno, dove erano riusciti a portare via circa 1000 euro per poi darsi alla fuga, in direzione Napoli. Due uomini di 35 e 41 anni, di nazionalità rumena sono stati arrestati dopo un inseguimento dalla Polizia di Stato con l’accusa di rapina impropria.  Dopo la nota di ricerca di un’autovettura diramata dalla Centrale Operativa della Questura, in seguito alla rapina,  una prima pattuglia della Polizia Stradale, in servizio di vigilanza stradale sull’autostrada A3 “Napoli-Pompei-Salerno”, si è posizionata in marcia sulla corsia di accelerazione della rampa di ingresso di Angri, mentre una seconda pattuglia, si è posizionata alcuni chilometri dopo sempre sulla stessa carreggiata. L’autovettura segnalata dopo poco è stata intercettata ed inseguita fino ad essere raggiunta e bloccata. Al fine di garantire la sicurezza degli utenti in transito, è stata effettuata dalla Polizia Stradale una manovra di “safety car”, rallentando il traffico fino a bloccarlo.

Dopo aver identificato i due occupanti del mezzo, gli agenti hanno effettuato una perquisizione, rinvenendo il materiale rubato e numerosi generi alimentari (confezioni di olio, pezzi di grana padano e scatolette di tonno).

Gli immediati accertamenti esperiti consentivano di verificare che gli attrezzi da lavoro erano stati asportati dal supermercato dove avevano messo in atto la rapina,  i cui titolari hanno sporto regolare querela contro le persone fermate, mentre per i generi alimentari sono in corso ulteriori verifiche per risalire ai proprietari.

Al termine degli accertamenti di rito, i due autori del reato sono stati identificati per cittadini di nazionalità rumena, residenti in un campo rom del napoletano, con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e la persona.

Dell’avvenuto arresto veniva data notizia al P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, che assumeva la direzione delle indagini e disponeva la collocazione degli arrestati presso il carcere di Poggioreale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *